logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

sabato 25 luglio 2015

Combatti lo smog e le polveri sottili con le piante


La co2 pura viene assorbita dalle piante, un eccesso di co2 nell’aria danneggia i mammiferi che hanno bisogno di ossigeno per sopravvivere, ma non le piante che se ne nutrono voracemente. Del resto il processo di fotosintesi vuole che le piante assorbano attraverso gli stomi delle piante diossido di carbonio, per emettere ossigeno nell’aria. Il problema viene a mancare quando attraverso il disboscamento, l’abusivismo incontrollato e l’agricoltura intensiva viene a crearsi uno squilibrio tra queste forze. Le polveri sottili però non sono solo smog, o co2 ma anche l’emissione di polveri e metalli pesanti, fumi, dispersione di azoto e altre sostanze tossiconocive dovute alla lavorazione industriali o alla presenza di inceneritori, macchine. Molte piante però assorbono anche minerali, questa funzione viene svolta in simbiosi con alcuni funghi come il micelio, gli alberi richiedono sostanza minerale e in cambio cedono zuccheri. Alcune piante poi sono in grado di organicare l’azoto, come per esempio la gaggia, il maggiociondolo, il ginepro, il goumi ecc..Altre piante invece utilizzate anche negli impianti di fitodepurazione sono in grado di trasformare le sostanze nocive e assorbirne un enorme quantità, es tifa, salici, bambu’. Non a caso crescono lungo i fiumi. La capacità dei salici di assorbire sostanze nocive é dieci volte superiore a quella del bambù. Le parti più raffinate vengono assorbire più velocemente dalle foglie, ma ci sono alcuni tipi di foglia adatti ad assorbire meglio queste sostanze. Le parti meno raffinate sedimentano a terra, per questo la presenza di cespugli e muschio sarebbe funzionale per una miglior trasformazione di queste sostanze.
“Si tratta di specie contraddistinte da due importanti caratteristiche: hanno foglie a superficie larga, in grado quindi di assorbire le polveri sottili e non rilasciano terpeni, elementi dai quali dipende il profumo, ma che reagiscono con gli inquinanti emessi dalle automobili, formando ozono troposferico, dannoso per l’uomo e per l’ambiente” dice la ricercatrice dell’Ibimet-Cnr.
Se non basta come fonte esiste http://www.ble.de Humboldt Universitaet di Berlino.
Gli aghi delle conifere, le foglie dei tigli selvatici, il bagolaro, ginko bilboa e il carpino bianco sono ottimi filtri anti smog. Il carpino bianco é in grado solo di assorbire co2  a causa di foglie lisce e poco pelose
Felce di Boston: efficace per assorbire l’inquinamento da formaldeide
Edera: assorbe efficacemente tricloroetilene e benzene
Clorofito: elimina dall’aria formaldeide e monossido di carbonio
Spatifillo: assorbe tricloroetilene, formaldeide e benzene
Clorofito: elimina dall’aria formaldeide e monossido di carbonio
Pothos: utile per la depurazione dalla formaldeide e dal fumo di sigarette
Aloe: efficace per assorbire l’inquinamento da tricloroetilene
Sansevieria: assorbe fattori tossici e combatte l’effetto delle radiazioni elettromagnetiche
Dieffenbachia: efficace per assorbire l’inquinamento da xylene e toluene
Croton: elimina dall’aria formaldeide e monossido di carbonio
Dracena: efficace per assorbire benzene, tricloroetilene e toluene
Anturio: assorbe l’inquinamento da benzene e formaldeide
Stella di Natale: efficace per combattere l’inquinamento da benzene
Ficus benjamina: assorbe formaldeide e benzene, attivo anche contro il fumo di sigaretta
Monstera: efficace per assorbire formaldeide e benzene
Kalanchoe: assorbe fattori tossici e combatte l’effetto delle radiazioni elettromagnetiche