logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

giovedì 25 luglio 2013

Julian Assange fonda un partito in Australia

http://www.internazionale.it/news/wikileaks/2013/07/25/julian-assange-fonda-un-partito-in-australia/

Julian Assange a Londra, il 24 febbraio 2011. (Stefan Wermuth, Reuters/Contrasto)
Julian Assange ha fondato un nuovo partito politico chiamato Wikileaks, come la sua organizzazione. Assange ha annunciato che si candiderà al senato alle prossime elezioni in Australia, che si terranno il 14 settembre.
In un’intervista telefonica con il New York Times, Assange ha detto che per lui non sarà un problema gestire la campagna elettorale dall’ambasciata dell’Ecuador a Londra, dove vive da più di un anno dopo aver ricevuto asilo politico. Verso Assange pende una richiesta d’estradizione in Svezia, dove deve affrontare un processo per molestie sessuali.
“Non sarà molto diverso dalla gestione della mia organizzazione. Abbiamo persone in ogni continente. Sarà bello impegnarsi politicamente nel mio paese. Il mio piano è quello di paracadutare un gruppo di giornalisti investigativi in senato e fare quello che abbiamo fatto con Wikileaks”, ha dichiarato Assange, aggiungendo che la missione del suo partito sarà quella di portare “onestà e trasparenza” nel mondo della politica.
“Il partito di Julian renderà onesti i bastardi”, ha aggiunto la portavoce del movimento Samantha Cross.
L’impegno politico del fondatore di Wikileaks però non sarà privo di ostacoli. Secondo la legge australiana Assange, se verrà eletto, dovrà presentarsi al suo seggio del senato entro un anno. Il governo britannico però ha fatto sapere che, se dovesse lasciare l’ambasciata ecuadoriana di Londra, verrebbe arrestato immediatamente e mandato in Svezia.
Segreti rivelati. WikiLeaks è un’organizzazione internazionale che riceve in modo anonimo e pubblica documenti, spesso coperti dal segreto di stato o dal segreto bancario, e poi li carica sul proprio sito. Julian Assange l’ha fondata nel 2006.
Le attività dell’associazione sono sempre state molto critiche verso i governi occidentali, soprattutto nei confronti dell’amministrazione statunitense. Nel 2010 Wikileaks ha pubblicato diversi documenti diplomatici riservati sulle attività del governo statunitense nel mondo, scatenando il caso Cablegate. Joe Biden, ex vicepresidente degli Stati Uniti, ha definito Julian Assange un “terrorista high-tech”.