logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

martedì 10 gennaio 2012

Sulla fame non si specula, nemmeno su derivati e libertà di informazione

L'ultimo Consiglio Comunale dell'anno è stato davvero col "botto": abbiamo dato una scrollata non da poco alle "mura" di Palazzo Marino. E' stato un successo. Quello che è avvenuto in consiglio il 22 dicembre, è il continuos storico e logico di qualcosa di nuovo... la "rete", la consapevolezza che la migliore mente è quella "condivisa" che prende piede. Annullamento delle distanze: consigliere e cittadini in rapporto diretto, a decidere insieme e fidarsi l'un l'altro delle proprie competenze.
La differenza con i Consigli precedenti? ...che stiamo "imparando"... a sfruttare le poche occasioni di trasformare finalmente in "propositivo" un organo collegiale democratico, che al momento è solo organo di "ratifica" (e evitiamo per ora di soffermarci su quali amenità venga richiesta, questa "ratifica").
In una seduta laconica, semi-deserta, tutto sembrava fluire verso i cenoni sempre più ridotti a "cene" per la crisi, quando ecco spuntare sul tavolo del nostro "ufficio stampa" la Mozione 50 del cons. Gibillini (ed altri)
<<Adesione Comune di Milano alla campagna "Sulla fame non si specula" (IM/50 circ. 21)>>.
Una mozione piena di buon senso, dove tutti diventano "buoni" e tutti, o quasi, la sottoscrivono, lanciandosi poi in stucchevoli e toccanti dichiarazioni. Atto assolutamente giusto e dovuto, anche quando le "commodities" si trasformano in "communities"...
Da una rapida lettura, sul punto due degli impegni verso la giunta, ci è nata però un'idea, così, a caso: impegnare la giunta a non sottoscrivere più in futuro prodotti derivati. Sembra uno scherzo, vero? Invece no, ci abbiamo provato, sul serio. Talmente seriamente, da attirare l'attenzione di uno dei pochi consiglieri di opposizione presenti in aula...
Punto 2 :- ad operare affinché il Comune di Milano nella gestione della propria liquidità non faccia più ricorso a prodotti finanziari derivati i cui indici siano legati in qualsiasi modo a commodities agricole e contestualmente cederà ogni prodotto finanziario di questo tipo in suo possesso.
<<Mettiamoci un punto. Dopo "prodotti finanziari derivati" e tagliamola corta al volo>>
<<No, così si snatura il punto due dal contesto>>
<<Potrebbe essere dichiarato inammissibile>>
<<Presto, c'è da fare l'intervento e consegnarlo prima>>
<<Mettiamo una virgola dopo "derivati", e aggiungiamo "preferibilmente" o "in particolare"...>>
<<Tieni, lo scrivi tu al volo? abbiamo i secondi contati>>
<<Ok, detta... perfetto, via via!>>
Secondi? Minuti? Sappiamo solo che abbiamo presentato l'emendamento, e che il Consiglio è finito praticamente in bagarre, con un membro dell'opposizione che giustamente lamenta lacune procedurali, altri sempre di opposizione che si appellano a privacy di fatto mai però violate e con una maggioranza in difficoltà che chiede altro tempo per analizzare e riformulare correttamente...
Una seduta piccante. Che si è conclusa con un divertente siparietto offertoci per dimostrare quanto siano fondamentali i regolamenti ai quali si appella così di frequente la casta.
Regolamento di organizzazione e di funzionamento del Consiglio Comunale
Capo III - Obblighi
Art. 28 - Partecipazione alle sedute.
1. Il Consigliere è tenuto a partecipare a tutte le sedute del Consiglio.
2. In caso di assenza, la giustificazione avviene mediante comunicazione scritta, inviata dal Consigliere o dal Presidente del gruppo al quale appartiene all'Ufficio di Presidenza.
....
Capo II - Sedute del Consiglio.
Art. 40 - Sede e settori dell'aula riservati.
1. Le adunanze del Consiglio si tengono a Palazzo Marino nell'apposita sala in cui sono riservati gli spazi per i Consiglieri, il Presidente, la Giunta comunale, il Pubblico e gli Organi di informazione.
Belin, www.beppegrillo.it secondo voi è o no un organo di informazione? :D
Premessa.
Ogni Gruppo Consiliare può richiedere degli accrediti per l'accesso alla Tribuna Stampa durante le sedute del Consiglio. Da nostre indagini preliminari non è risultato essere necessaria nessuna iscrizione all'albo giornalisti. Tanto eravamo sicuri, che sono stati richiesti di fatto tre accrediti, per nostri attivisti, blogger, che di fatto sono il nostro "Ufficio Stampa" in loco, coloro che a turno presiedono le sedute, ricevono e girano le "veline" di Mattia: solo che noi spesso alla carta sostituiamo immagini e dati digitali. Non ci risulta aver contravvenuto ad alcun regolamento, ma siamo assolutamente pronti a scusarci nel caso ci fosse stato un equivoco e fosse dimostrato il contrario. In tal caso proporremo una mozione per modificare un regolamento che viola la libertà di informazione. Che si sta evolvendo.


Non perdetevi la seduta di giovedì 12 a Palazzo Marino dalle 16.30
Diretta : http://www.comune.milano.it/dseserver/videoconsiglio/index.html
e siccome il video allegato è un nostro montaggio, per approfondimenti riguardate la seduta integrale, con possibilità di scelta degli interventi con apposito menù a tendina