martedì 21 dicembre 2010

Il tempo dell'acqua sta per scadere!


Martedì 21 e Mercoledì 22 Dicembre chiediamo ai Deputati di approvare la Moratoria

Il Forum dei Movimenti per l'acqua ha portato avanti negli ultimi due mesi una campagna per la moratoria sulle scadenze previste dal “Decreto Ronchi”, che ha visto iniziative pubbliche e richieste di incontri istituzionali.

Alla luce della necessità di bloccare le scadenze che accelerano le privatizzazioni, in attesa i cittadini si esprimano tramite il voto referendario, sollecitiamo tutte/i ad inviare a tutte/i i/le Deputati/e la richiesta di approvazione di moratoria che trovate di seguito.

E' importante effettuare l’invio delle mail in modo coordinato, concentrandosi tutte/i nei giorni di martedì 21 e mercoledì 22.

Di seguito trovate il testo da inviare e l’elenco degli indirizzi e-mail delle/dei Deputate/Deputati.

IMPORTANTE:

PER EVITARE DI VEDERSI BLOCCATA LA PROPRIA CASELLA DI POSTA (CHE AL MASSIMO PUÒ INVIARE MAIL A CIRCA 500 DESTINATARI OGNI 24 ORE), SCEGLIETE SOLO UNO DEI SEGUENTI GRUPPI DI INDIRIZZI, GLI ALTRI LI INVIERETE UNO AD UNO NEI GIORNI SUCCESSIVI.

PER FARE IN MODO CHE OGNI GIORNO SIANO COINVOLTI TUTT* LE/I DEPUTAT*, SCEGLIAMO I GRUPPI A CASO E NON TUTT* IL PRIMO

Testo della mail da inviare:

OGGETTO: Necessario provvedimento di moratoria sulle scadenze della Legge Ronchi

Gentile Onorevole,

come avrà avuto modo di apprendere, a seguito di una raccolta firme conclusasi con un successo straordinario, oltre un milione e quattrocentomila donne e uomini di questo paese hanno sottoscritto la richiesta di tre referendum abrogativi per la ripubblicizzazione dell’acqua. Il popolo italiano sarà chiamato, nella prossima primavera, a pronunciarsi sui tre quesiti promossi dal Forum italiano dei Movimenti per l’Acqua e dall’amplissima coalizione sociale raccolta nel Comitato Promotore.
I tre referendum chiedono ai cittadini italiani di esprimersi sulla gestione del servizio idrico integrato. Il nostro impegno e il nostro esercizio di democrazia possono essere depotenziati dalle scadenze previste dal “decreto Ronchi” che di fatto accelerano le privatizzazioni e che potrebbero essere sconfessate dal voto popolare.
Crediamo fermamente che tali scadenze, che dispongono su temi oggetto della prossima consultazione referendaria, debbano essere posticipate alla fine del 2012 attraverso l’approvazione di un provvedimento normativo di moratoria, al fine di rispettare la volontà popolare espressa nel corso della raccolta delle firme, e per realizzare un percorso democratico che sia autentico.
Le chiediamo, pertanto, di attivarsi e farsi promotore di tale provvedimento. Si tratta di un atto per la tutela della democrazia e della volontà popolare di un milione e quattrocentomila italiani su cui non si può e non si deve restare indifferenti.