venerdì 5 novembre 2010

Nemesis, il primo bolide elettrico che sfida gli stereotipi

L’azienda inglese Ecotricity ha realizzato Nemesis, la prima auto sportiva alimentata a batterie. Il prototipo, sviluppato da un team di Formula Uno, può raggiungere i 274 km/h risultando più veloce di una Ferrari V12.
Energia pulita (Rinnovabili.it) – Chi lo ha detto che le auto elettriche non possano raggiungere grandi velocità? Ecotricity, azienda inglese leader nella produzione di energie pulite, ha lanciato Nemesis, la prima auto elettrica sportiva ad alte prestazioni. Il prototipo, nato da un’idea di Dale Vince fondatore ed amministratore delegato di Ecotricity, è stato sviluppato in un paio di anni da un team di Formula Uno nel Norfolk.
Le batterie, rigorosamente ai polimeri di litio, assicurano tra 160 e 240 km a seconda dello stile di guida e possono essere ricaricate in meno di due ore. Il prototipo è più veloce di una Ferrari V12, con la possibilità di raggiungere i 274 km/h,e la capacità di arrivare da 0 a 161 km/h in 8,5 secondi.
I protagonisti del team in passato avevano sviluppato tra le auto sportive più affascinanti di questo secolo come la McLaren F1, la Lotus Elan, la Corvette 2R1, la Jaguar XJR15 e la mitica De Lorean (la macchina del tempo di “Ritorno al Futuro”), ma la partecipazione ad un progetto di auto elettrichemai avevano .
La Nemesis in precedenza era una Lotus Exige di seconda mano a cui i progettisti hanno allungato il telaio di 90mm dotandola di batterie, due motori, una nuova trasmissione e un apparato elettronico all’avanguardia.
“Non ero in cerca di qualcosa di ecologico e che costituisse un sacrificio” ha spiegato Dale Vince. “Ho voluto creare qualcosa di esotico e desiderabile. Qualcosa che faccia girare la testa e sfidi gli stereotipi”.
Al pubblico la Nemesis sarà presentata per la prima volta in occasione del Future Car Challenge di Londra (6 Novembre). In seguito l’auto inizierà un “on the road” per mostrare tutte le sue peculiarità e per essere un affascinante baluardo della mobilità sostenibile. Inoltre Ecotricity, partendo dai risultati ottenuti con Nemesis, ha deciso in futuro di sviluppare anche un trattore elettrico.