logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

martedì 11 maggio 2010

L'orgoglio di un paese pulito


Il Comune di Corchiano (VT), dopo aver ricevuto la menzione speciale dall’organizzazione del Premio comuni a 5 stelle 2009, promosso dall’Associazione Comuni Virtuosi, in collaborazione con il Movimento per la decrescita felice e con la Città del bio, per le buone prassi amministrative, per la promozione della bioeconomia e per l’impegno nello sviluppo sostenibile, continua a percorrere la strada del rispetto dell’ambiente e del paesaggio attraverso la buona e attenta pratica della raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta, che in soli otto mesi è balzata all’85%, e la tutela e la valorizzazione dei beni comuni, in particolare del bene più comune di tutti: l’acqua.

Da sempre in prima linea sul tema quanto mai urgente dell’acqua pubblica e della tutela e promozione del diritto dei popoli all’accesso alle risorse idriche, l’Amministrazione comunale è tra gli Enti locali che hanno dato vita al Coordinamento nazionale degli enti locali per l’acqua pubblica, iniziativa promossa dal Forum italiano dei movimenti per l’acqua. Per la comunità di Corchiano l’acqua non può non essere il bene comune più prezioso, una risorsa da custodire con cura da non sprecare e da tramandare alle future generazioni.

Dopo le campagne di sensibilizzazione “L’orgoglio di un paese pulito” e di “Porta la sporta!”, finalizzate alla raccolta differenziata e alla riduzione dei sacchetti di plastica monouso per la spesa, dal 30 di aprile è partita ufficialmente quella sulla valorizzazione e promozione dell’acqua della comunità e sulla riduzione delle bottiglie di plastica, anche attraverso l’inaugurazione di un distributore automatico di acqua alla spina. Infatti l’acqua viene direttamente attinta dalla fontanella di Piazza del Comune.

La fontanella, dunque, non è altro che un distributore automatico di acqua alla spina, che, collegato all’acquedotto e installato all’interno di una piccola struttura lignea, consente di avere acqua micro filtrata, declorata, refrigerata, naturale o frizzante. Inoltre, cosa non meno importante, le caratteristiche chimiche e fisiche della risorsa idrica del luogo dopo il trattamento di micro filtraggio restano inalterate. Da quando il distributore automatico è stato attivato si sono registrate numerose code di cittadini corchianesi, italiani e migranti, che, tra una bottiglia di acqua naturale e una di acqua frizzante, si trovano a vivere momenti di condivisione e di integrazione o riscoprono addirittura il gusto della socializzazione attorno alla “fonte”.

Tuttavia l’inaugurazione è arrivata dopo un periodo di prova durato poco più di un mese. Solo la mattina del 30 di aprile, nell’ambito dell’iniziativa intitolata “I cittadini di un paese virtuoso tra festa e impegno”, il Consiglio comunale dei ragazzi guidato dal piccolo sindaco Michele Marini ha ufficialmente inaugurato la fontanella, non senza aver prima dibattuto e affrontato in una gremita aula consiliare tutte le tematiche inerenti al cosiddetto oro blu, dall’uso consapevole e razionale ai suoi legami con la cooperazione decentrata e la solidarietà tra i popoli.

Qualche dato. Finora sono stati erogati 80 mila litri di acqua. Il costo per ogni litro e mezzo è di 5 centesimi di euro. Dopo un anno si avranno oltre 200 mila bottiglie di plastica risparmiate. Infatti, l’obiettivo vuole essere proprio quello di ridurre l’uso delle bottiglie di plastica e con esso il quantitativo dei rifiuti al fine di privilegiare l’impiego dei recipienti di vetro. Non solo. La campagna tende ad abbattere sia l’impiego dei combustibili, in particolare del petrolio, che occorre per la produzione e il trasporto delle bottiglie di plastica contenenti acqua minerale (ogni anno se ne producono circa 5 miliardi nel mondo), sia le conseguenti emissioni di anidride carbonica e gas inquinanti nell’atmosfera.

Le piccole e buone pratiche quotidiane possono servire a migliorare la salute dell’ambiente e a ridefinire un modo nuovo dello stare insieme, di fare ed essere comunità.