lunedì 26 aprile 2010

Raddoppiano gli affitti case enti statali EMPAIA

E' di pochi minuti fa la notizia che l'ENPAIA venendo meno all'impegno -
assunto con il Prefetto di Roma Dr. Pecoraro - di rispettare una pausa di
riflessione di due mesi ha nuovamente dato il via in data 21 Aprile,
giorno
della manifestazione in P.za SS Apostoli degli inquilini di Enti,
Fondazionie Casse che si sono visti sottoporre rinnovi contrattuali con aumenti di più dell'80/90% i propri canoni di locazione o dismissioni selvagge - all'invio
delle lettere di convocazione per la sottoscrizione dei contratti.
La dirigenza ENPAIA che ha dilapidato parte del patrimonio dell'Ente
attraverso
investimenti dissennati (PARMALAT, Bond argentini, Leman e Brothers ed
altro)
enon consentiti per legge ad una Fondazione - che pure in passato è stata
ripetutamente al centro di numerosi scandali per la politica "disinvolta"
sempre perseguita - ha fretta di reperire liquidità e credibilità presso le
banche? (vedi Banca Popolare di Sondrio) e per far questo non esita a
buttare
a
mare circa 1000/1500 famiglie?
Da notare che l'artefice di tale disinvolta manovra è il Direttore
Generale,
quel Gabriele Mori eletto pochi giorni fa sindaco di Grottaferrata ed
esponente
PD che ha fatto dell'impegno nel sociale il proprio cavallo di battaglia.
Inutile esercizio di retorica chiedersi il motivo per cui l'elettorato, a
livello nazionale, non fa più riferimento alla sinistra.
Mori non conosci vergogna!



Vi invio il resoconto dell'incontro con il Prefetto Pecoraro (come potete leggere dal report che riportiamo più in basso).
Quella di ieri è stata una giornata importante per gli inquilini degli Enti, delle Fondazioni, Casse varie e Fondi pensione. Abbiamo rappresentato al Prefetto l'intera problematica che sta vivendo l'intero inquilinato degli Enti sul fronte affitti, vendita degli alloggi a prezzi speculativi, sfratti e sgomberi.

Il Prefetto ha voluto ascoltare tutti i rappresentanti degli inquilini. All'incontro erano presenti i delegati di dieci Enti, Casse, Fondi ecc. (quasi tutti i principali).

Per relazionare ai comitati e dare una valutazione più approfondita sull'incontro credo sia il caso di convocare per la prossima settimana i coordinamenti dei vari Enti. Dobbiamo decidere le prossime iniziative e poi dovremo riconvocare il coordinamenti cittadino di tutti gli Enti. Come ho già detto erano molti quelli presenti, alcuni comitati sono venuti direttamente in piazza, senza averli mai conosciuti, hanno voluto partecipare alla delegazione, rischiando di stravolgere quello che avevamo deciso. Comunque rimane il fatto che quello di ieri è stato un grande passo in avanti, è stata l'unica iniziativa che ha coinvolto tutti. Ora dobbiamo parlarci tutti e fissare una strategia comune, però nella chiarezza degli obiettivi e delle modalità che ci diamo per perseguirli.

Ribadiamo la nostra indipendenza, come forza sindacale, dalla politica. Ci rapportiamo a tutti quei politici che rispettano, condividono e sostengono le nostre battaglie. Non saremo mai noi ad essere utilizzati da loro.

Abbiamo molto chiaro quali sono le responsabilità della politica e di quella parte sindacale che è loro complice: hanno fatto già molti danni al mondo del lavoro e agli inquilini.

Vogliamo affrontare concretamente questa battaglia, quello che stiamo facendo lo dimostra. Dobbiamo andare avanti su questa strada e realizzare un fronte più ampio possibile dell'inquilinato.

Sentirò i vari comitati per fissare le prossime riunioni e in quelle occasioni decideremo come andare avanti.

Un saluto a tutti.

Roma, 22 aprile 2010



Per l'AS.I.A. - RdB

Angelo Fascetti




IL PREFETTO PECORARO RACCOGLIE L'APPELLO DEGLI INQUILINI DEGLI ENTI PRIVATIZZATI.
'VOGLIONO METTERCI IN MUTANDE': IN CENTINAIA HANNO MANIFESTATO SOTTO LA PREFETTURA.







PIU' DI DIECI ENTI RAPPRESENTATI NELLA DELEGAZIONE CHE HA INCONTRATO IL PREFETTO, DECINE I COMITATI PRESENTI IN PIAZZA.
PRECISAZIONI DELL'AS.I.A. A PROPOSITO DELLE DICHIARAZIONI DI AGENZIA DI C. BONELLI.
(vedi in basso le Agenzie uscite il 21 sera)


Roma – giovedì, 22 aprile 2010

Report dell’incontro con il Prefetto Pecoraro del 21 aprile 2010.



La delegazione degli inquilini resistenti rappresentativa dei comitati di più di dieci Enti, Casse e Fondi pensione, insieme all'AS.I.A./RdB, ha incontrato il Prefetto Pecoraro. Nell'introduzione Angelo Fascetti ha spiegato le ragioni della manifestazione indetta in piazza SS Apostoli, che ha visto peraltro una partecipazione numerosa e combattiva, e ha avanzato le tre richieste principali sostenute dall'inquilinato presente nella delegazione e nella piazza:

1) convocazione di un tavolo interistituzionale con tutti gli enti e le altre proprietà coinvolte;

2) il congelamento fino al tavolo di tutte le richieste delle proprietà sia relative ai rinnovi di contratto con aumenti d'affitto, sia relative alle vendite laddove sono in corso dismissioni;

3) un intervento verso il Governo per richiedere un provvedimento legislativo che fermi le arroganti pretese degli Enti, Fondazioni, Casse e Fondi pensione varie e ne ribadisca la loro funzione sociale.

Dopo Fascetti, hanno preso la parola i rappresentanti di tutte le realtà dell'inquilinato presenti: l'Enpaia, l'Enpam, l'Enasarco, il Fondo pensioni Banca di Roma/Unicredit, la Cassa Geometri, la Cassa Ragionieri e di quella Forense, l'Inarcassa, gli occupanti senza titolo dell'Inpdap, dell'Inps e dell'Enasarco, l'Enpaf e forse ne abbiamo dimenticato qualcuno.

Da questi interventi il Prefetto e l'ex assessore regionale Nieri presente all'incontro, hanno potuto ricavare uno spaccato della città veramente drammatico, con un ceto medio alle prese con Enti e altro che con atteggiamenti vessatori stanno rovinando la loro vita, oscurando il loro futuro.

Il Prefetto nella sua replica è apparso molto colpito dal dato numerico e dalla consapevole decisione ad andare fino in fondo nella lotta dei comitati presenti.

A seguito di ciò ha avanzato due proposte, accettando di convocare tutti gli attori coinvolti ad un tavolo interistituzionale al più presto e iniziando a ragionare su una possibile mediazione nella trattativa relativa agli aumenti d'affitto.

Rispetto alle vendite si è impegnato, nel momento in cui contatterà le varie controparti dell'inquilinato per il tavolo, a richiederne il blocco.

Quindi, oltre alla convocazione del tavolo in attesa della formazione della nuova Giunta regionale, ha illustrato le prime tre iniziative alle quali darà corso da subito: richiesta di un interveto del Governo, un incontro – che è stato già fissato per oggi -con il Sindaco e il comune di Roma per capire le iniziative da prendere, la convocazione degli Enti per trovare una possibile soluzione.

Una nota che ha attraversato l'intero incontro è stata rappresentata dalla contestazione degli inquilini intervenuti nei confronti di quei sindacati che hanno firmato accordi che l'inquilinato non condivide.

E’ apparsa evidente la necessità di coinvolgere il governo, al quale il Prefetto farà una relazione sullo stato dell'arte romano in merito a più di trentamila nuclei familiari a rischio, e su questo è necessario avviare un ragionamento che ci porti insieme alle lotte quotidiane nelle singole specificità ad indire per giugno una mobilitazione nei confronti dell'amministrazione centrale. Senza un intervento governativo sarà più difficile fermare questa calamità sociale.



AS.I.A.-RdB



A proposito delle dichiarazioni di Bonelli, incaricato dal Sindaco Alemanno di seguire la vicenda degli Enti privatizzati, diffuse dall'NSA del 21 aprile (che riportiamo in fondo alla pagina) l'AS.I.A. precisa quanto segue:

è proprio grazie a quelle 'manifestazioni estemporanee' che si sta raggiungendo l'unità di tutti gli inquilini degli Enti (lo dimostra il numero di delegazioni presenti davanti alla Prefettura) e che si stanno coinvolgimento le istituzioni per la ricerca di una soluzione, come è già successo per via dei Colli Portuensi e via Pincherle. Si chieda invece il Presidente Bonelli perché debba essere il Prefetto a svolgere quel ruolo che spetterebbe alla politica, a chi amministra, che non ha invece indicato a tutt'oggi il tipo di soluzione che bisogna dare al problema degli affitti e delle dismissioni selvagge.

ASIA-RdB







DISPACCI DELLE AGENZIE DEL 21 SERA.



CASA:NO CARO-AFFITTI;PROTESTA INQUILINI,UNO ANCHE IN MUTANDE

CRO S43 QBXL CASA:NO CARO-AFFITTI;PROTESTA INQUILINI,UNO ANCHE IN MUTANDE SIT-IN DAVANTI ALLA PREFETTURA DI ROMA (ANSA) - ROMA, 21 APR - «La casa è un diritto non un lusso. No agli aumenti degli affitti, no alle vendite speculative». Così circa duecento persone, secondo gli organizzatori, appartenenti ai comitati degli inquilini delle abitazioni di proprietà dell'Enasarco e dell'Enpaia hanno manifestato oggi a piazza SS Apostoli, davanti la sede della Prefettura. Tra loro anche un uomo senza pantaloni con il cartello 'vogliono metterci in mutandè. Scopo dell'iniziativa incontrare il prefetto e chiedere che convochi un tavolo con i rappresentanti degli inquilini e dei sindacati affinchè «le circa 30 mila abitazioni degli enti pubblici ora privatizzati - hanno spiegato i manifestanti - siano vendute a un canone agevolato o senza aumenti di affitti». «Vendere le case a prezzi di mercato - ha fatto notare Michelangelo Giglio di Asia-Rdb (Associazione Inquilini e Assegnatari) - è una speculazione che va a colpire noi, classe media, che si vedrebbe costretta a spendere l'80% del salario solo per le spese di affitto o di mutuo. Ci spingerebbero così verso la soglia della povertà».(ANSA). Y1J-RO 21-APR-10 18:00 NNN

FINE DISPACCIO



CASA:ASIA-RDB,DA PREFETTO IMPEGNI SU SITUAZIONE ALLOGGI ENTI

POL S43 QBXL CASA:ASIA-RDB,DA PREFETTO IMPEGNI SU SITUAZIONE ALLOGGI ENTI (ANSA) - ROMA, 21 APR - «Il prefetto si è impegnato a informare il governo sulla situazione a Roma degli alloggi degli enti pubblici e domani incontrerà il comune di Roma». Lo ha annunciato Angelo Fascetti dell'Asia-Rdb (associazione inquilini e segnatari) dopo aver incontrato il prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro, ai circa 200 inquilini dei comitati dell'Enpaia e del'Enasarco che oggi stanno manifestando a piazza Santissimi Apostoli per dire no al caro affitti e alle speculazioni sulle vendite degli immobili di proprietà degli enti pubblici. «Il prefetto - ha aggiunto Fascetti - si è anche impegnato a chiamare gli enti coinvolti nella vicenda e ad adoperarsi per aprire anche un tavolo interistituzionale al quale sia presente anche la Regione Lazio». (ANSA). Y1J-RO/SCN 21-APR-10 19:24 NNN

FINE DISPACCIO





CASA, COMITATI INQUILINI MANIFESTANO DAVANTI PREFETTURA

OMR0000 4 CRO TXT Omniroma-CASA, COMITATI INQUILINI MANIFESTANO DAVANTI PREFETTURA (OMNIROMA) Roma, 21 apr - «La casa è un diritto e non un lusso: no agli aumenti degli affitti, no alle vendite speculative». Questo lo striscione che campeggia in Piazza Santi Apostoli, di fronte alla sede della Prefettura, per una manifestazione dei comitati degli inquilini dell'Enasarco, dell'Enpaia, dell'Enpam, del Fondo Pensioni Unicredit, delle Casse Geometri e ragionieri e dell'Inarc. «Stiamo protestando - spiega Paolo Di Vetta di Asia-RdB - perché chiediamo che le circa 30 mila abitazioni degli enti ora privatizzati possano essere cedute ad un canone agevolato e che non ci siano più gli aumenti degli affitti, che nel caso delle palazzine Enpaia sono arrivati anche ad aumenti del 130%. Le vendite non vanno fatte a prezzi di mercato ma bisogna che si riconosca il valore sociale che ha portato alla costituzione di questi enti». Secondo Angelo Fascetti, di Asia-RdB «molte di queste realtà abitative sono state costruite in zone 167 per questo il comune gli ha assegnato le concessioni edilizie. Gli enti oggi si sentono di essere agenti immobiliari. Questa vicenda a Roma riguarda circa 30 mila appartamenti». I manifestanti hanno segnalato di essere in attesa di incontrare il prefetto. gmv 211632 apr 10

FINE DISPACCIO





CASA: BONELLI A PREFETTO, CONGELARE AUMENTI AFFITTI ENTI

POL S43 QBXL CASA: BONELLI A PREFETTO, CONGELARE AUMENTI AFFITTI ENTI (ANSA) - ROMA, 21 APR - «Al Prefetto, al quale va il nostro ringraziamento per la sensibilità dimostrata, abbiamo sottoposto la nostra richiesta di congelare gli aumenti degli affitti e la necessità di avviare una trattativa con gli Enti proprietari insieme alla Regione, non appena questa sarà tornata nel pieno delle sue funzioni con l'insediamento della nuova Giunta». Lo dichiara in una nota il presidente del IV municipio Cristiano Bonelli. «Dopo l'incontro che ho avuto, in qualità di incaricato dal sindaco Alemanno di seguire le vicenda degli inquilini delle case degli Enti previdenziali privatizzati, insieme al presidente del Municipio XI, Catarci, il 9 aprile scorso con il Prefetto di Roma - spiega Bonelli -, credo si sia avviato un importante passaggio di mediazione al fine di giungere ad una conclusione positiva di questa vicenda. Credo sia necessario come non mai continuare a rimanere tutti uniti e a non lasciarsi andare a proteste di piazza estemporanee che rischiano solo di generare ulteriore confusione in una vicenda complessa già di suo». «Non è certo casuale - conclude - che dal prefetto Pecoraro si siano presentati due presidenti di Municipio, uno di centrodestra e uno di centrosinistra, proprio a significare l'unitarietà degli amministratori pubblici di fronte a questo tema così importante».(ANSA). YJ4-RO 21-APR-10 17:53 NNN

FINE DISPACCIO