venerdì 10 aprile 2015

Giù le mani dai musei dell' EUR

http://italianostraroma.blogspot.it/2015/04/giu-le-mani-dai-musei-delleur.html
Italia Nostra Roma ha combattuto, per 60 anni, per la conservazione dei musei riconosciuti con vincolo dal Ministero dei Beni Culturali impedendone l’alienazione e, anzi, proponendo l’istituzione di nuovi.
E’ impensabile, quindi, che Italia Nostra Roma appoggi la vendita dei 4 musei dell’Eur: Pigorini, delle Arti e Tradizioni Popolari, Alto Medioevo e l’Archivio Centrale dello Stato.
Solo a Roma due sconcertanti esempi: il Museo Torlonia alla Lungara, vincolato dal 1948, che ospitava la più grande collezione del mondo di statuaria greco-romana, non esiste più, al suo posto 99 mini appartamenti e la collezione negata a studiosi e cittadini; il Museo Geologico Nazionale a Largo di Santa Susanna, venduto nel 1995 per ospitare un centro hi-tech, voluto dall’allora Sindaco, Walter Veltroni, è ora uno scheletro e le collezioni sono ospitate in magazzini, anche queste negate a cittadini e studiosi. Questi due illustri ma negativi esempi, devono far riflettere, in un’Italia che è culturalmente incapace di difendere e tutelare i suoi beni inalienabili.
I 4 Musei all’Eur, se venduti, rischiano la stessa sorte e segnerebbero un’altra enorme sconfitta della Cultura italiana.
Nel Decreto Legislativo 304/99, che trasforma l’Ente autonomo esposizione universale di Roma in società per azioni, l’articolo 3 enuncia: “ Rientrano, in particolare, nell'oggetto sociale della societa' EUR S.p.a., approvato a norma del comma 4 dell'articolo 1, la gestione e la valorizzazione del complesso dei beni di cui la societa' e' titolare. Nell'ambito di tali attivita' e' compresa l'utilizzazione dei beni immobili per la promozione ovvero per l'organizzazione di iniziative nel campo congressuale espositivo, artistico, sportivo e ricreativo, ivi inclusi i servizi connessi a dette attivita'.”. Solo nella modifica di statuto, firmata dal Cda il 27 febbraio 2015 all’articolo 4, comma 4  compare, la parola “alienazione” .
E’ atto legittimo che lo Statuto sia stato modificato in discrepanza con il Decreto Legislativo istitutivo di EUR S.P.A.?
La tattica “di fare cassa” vendendo i beni di pregio per sanare i costi, gonfiati a dismisura, della Nuvola di Fuksas non convince nessuno e, rileva Italia Nostra Roma, avrebbe un effetto domino perverso sulla sorte degli altri musei in tutta la Nazione.
I Ministri Padoan e Franceschini, ognuno per le proprie competenze, devono trovare opportune ma urgentissime soluzioni sostanzialmente diverse dalla vendite dei musei Pigorini, delle Arti e Tradizioni Popolari, Alto Medioevo e l’Archivio Centrale dello Stato all’Eur.