mercoledì 11 febbraio 2015

La Grecia oggi decide: Europa o Russia

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=6&pg=10514

Mentre Varoufakis sarà a Bruxelles

 il ministro degli esteri greco Kotzias

 discuterà a Mosca le basi di un piano B



Una delle tappe decisive per il futuro prossimo della Grecia avverrà questa sera in occassione di uno degli Eurogruppi più importanti dal 2012 ad oggi. Ieri le voci si sono rincorse: Bloomberg che la mattina riportava come la Commissione europea avrebbe concesso alla Grecia un proroga di 6 mesi, poi è arrivata la smentita del ministro delle finanze tedesco Schauble e le indiscrezioni di alti funzionari dell'Ue pubblicate da Zero Hedge sul fatto che i greci con il programma proposto si stessero scavando la fossa da soli. Confusione, molta confusione alla vigilia.
Quindi l'unica notizia vera della giornata di ieri tra la pre-tattica delle due parti è stata la dichiarazione del ministro della Difesa greco Kammenos, come riportato da Reuters, e cioè che la Grecia ha ora un piano B se l'Europa rifiuta di muoversi: il Pivot to Russia. "Quello che vogliamo è un accordo, ma se non ci sarà un accordo e la Germania rimarrà ferma sulle sue posizioni, nel tentativo di distruggere l'Europa, utilizzeremo il piano B. Il Piano B è quello di ottenere un finanziamento da un'altra fonte", aveva dichiarato. 

Una minaccia chiara: se l'Europa non asseconda le richieste della Grecia, allora Atene potrebbe anche non avere più bisogno della zona euro per ottenere nuove fonti di finanziamento. Non solo quello, ma la Grecia potrebbe decidere di dichiarare default sul debito detenuto dalla Bce e lanciare un effetto domino che ha ben descritto Ubs in una sua nota recente. Secondo la banca svizzera la questione non è se la periferia verrà contagiata ma solo in quanto tempo.
E quindi si attende l'Eurogruppo di questa sera con molta apprensione in occidente. Come riportato da Newsweek, ad esempio, Jonathan Eyal dal think tank inglese su sicurezza e difesa  Royal United Services Institute (RUSI) ha definito le dichiarazioni di Kammenos come “una minaccia palese da uno stato membro della Nato”. Ha detto a Newsweek: "E' un fatto che i greci non hanno mai offerto il tipo di solidarietà per l'Europa, che l'Europa ha dimostrato per la Grecia." Ed è evidente che i russi hanno l'opportunità di sovvenzionare un paese che può fermare un consenso che è necessario per mantenere le sanzioni nei confronti della Russia. E 'molto grave in effetti. Le ripercussioni potrebbero essere molto gravi a seconda di quello che la Grecia fa in cambio".

Questo porterebbe la situazione all'”impensabile”: se la Grecia dovesse scegliere per un pivot per la Russia, si permetterebbe a Putin di costruire basi russe in territorio NATO. Ma Eyal non è sorpreso di questa eventualità: "E 'possibile, anche se si tratta dell'inverosimile. Se vedeste basi russe nel territorio della NATO sarebbe motivo di gravvissime preoccupazioni." O, come la definirebbe forse Putin, vittoria. 

Proprio perché in superficie appare nello sfondo queso scenario "inverosimile", in occidente non si rifiuta di ignorarlo completamente. Questa sera c'è la riunione dell'Eurogruppo di emergenza e, tra le altre cose, la Grecia chiederà un prestito ponte per coprire le esigenze di finanziamento fino ad agosto, cosa che la Germania ha già definito essere un non inizio per un nuovo accordo, ma la speranza nell'Ue rimane che in qualche modo un compromesso alla fine emergerà per evitare che Atene possa compiere scelte geopolitiche in grado di mandare in frantumi non solo la zona euro. Tutte le dichiarazioni e incontri precedenti, scrive Zero Hedge, sono stati pretattica in cui ognuno ha giocato il suo ruolo – dalla decisione della Bce di eliminare la garanzia sul collaterale delle banche greche ad i 10 giorni di ultimatum da parte dell'Ue – prima dell'incontro di questa sera quando verranno gettate le basi per un compromesso o per la rottura e iniziare ad immaginare un Piano B.
E 'qui che, come Kathimerini ha riportato ieri, le cose stanno effettivamente diventando talmente gravi da rendere l'"impensabile" possibile. Il ministro degli Esteri greco Nikolaos Kotzias, infatti, visisterà Mosca proprio oggi per tenere colloqui con il suo omologo russo Sergei Lavrov. Lo riportano Russia Interfax e TASS agenzie, citando una fonte del ministero degli Esteri russo. In altre parole, esattamente nello stesso momento in cui il ministro delle finanze sarà a Bruxelles a discutere il destino della Grecia nella zona euro, il nuovo ministro degli esteri greco sarà al Cremlino, ricevendo aggiornamenti istantanei da Bruxelles e forse per discutere il destino della Grecia nell'Unione economica eurasiatica.
Il che significa che già domani sera, se la zona euro è davvero intenzionata a cacciare la Grecia come hanno fatto intendere Berlino, Bruxelles e Francoforte , sapremo se non la Russia, ma l'Europa diventerà improvvisamente più "isolata", con  uno dei suoi membri che ribalterà lo scenario, dichiarando fedeltà all'uomo più odiato da tutto il mondo "sviluppato".

Più semplicemente, oggi la Grecia decide: l'Europa, o la Russia.