logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

mercoledì 11 giugno 2014

Rio in bicicletta

http://www.ecoturismoreport.it/it/00012/182/rio-in-bicicletta.html
di Lisa Molinari
A primavera inoltrata, sono sempre più i carioca (il soprannome degli abitanti di Rio de Janeiro) che approfittano della bicicletta per spostarsi nel traffico caotico della città facendo un po’ di movimento supplementare e godendosi il bel venticello che si crea naturalmente pedalando sotto il sole, anche se quando la temperatura sfiora i 40°C  le gocce di sudore vanno presto a rimpiazzare l’effetto brezza. Normale in una metropoli come Rio, che vanta 300 km di piste ciclabili, 60 stazioni di bike sharing nella zona sud e in centro, oltre all’incomparabile possibilità di arrivare all’aeroporto cittadino di Santos Dumont attraverso i 15 km di pista riservata alle bici, correndo tra la spiaggia di Flamengo e i giardini Burle Marx.
Certo che se ci si sposta per studio, lavoro, o per le normali faccende della vita quotidiana la situazione si fa un po’ più complicata e si cominciano a notare i crateri lungo le varie ciclovie, i percorsi riservati che si restringono o si arrestano a sorpresa, i furgoni parcheggiati nel bel mezzo delle piste e – dove non esiste corsia differenziata – la costante minaccia rappresentata da automobili e bus. Questi ultimi, tra l’altro, sono al centro di costanti polemiche per gli incidenti mortali provocati impunemente a danno di ciclisti. Ma si sa che i carioca hanno un gran senso dell’umorismo e allora invece di lamentarsi continuamente hanno polemizzato in modo molto più fine: l’ironico video d’animazione che circolava qualche mese fa sulle maniere più stupide per morire a Rio (“Dumb ways to die”) si apriva proprio con la sagoma di un ciclista che finiva male la sua pedalata urbana.
Consapevoli e responsabili, sappiate che saltare in sella e correre sulle due ruote per Rio è un’esperienza incredibile (a rischio zero se vi limitate al lungomare di Leblon-Ipanema-Copacabana) che vi farà sentire immediatamente integrati con la città e i suoi sportivissimi abitanti. Senza dover necessariamente eccedere nelle evoluzioni di BMX presso la megarampa al Sambodromo o partecipare all’adrenalinico Circuito MTB de Favelas.

GLOSSARIO PER CICLISTI


Magrela = bicicletta in carioca stretto.
Ciclovia = pista ciclabile riservata ai ciclisti, divisa con blocchetti o altri ostacoli fisici che ne impediscono l’invasione da parte di altri mezzi.
Ciclofaixa = corsia riservata ai ciclisti, semplicemente dipinta per terra.
Faixa compartilhada = pista riservata agli sportivi, dove i ciclisti devono condividere il loro spazio con skates, pedoni, joggers, ecc.
Via compartilhada = strada condivisa con le auto, i bus e gli altri mezzi.
- See more at: http://www.ecoturismoreport.it/it/00012/182/rio-in-bicicletta.html#sthash.w3CncmRr.dpuf