logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

domenica 16 giugno 2013

Grecia, fra le lacrime chiude anche l'orchestra sinfonica nazionale

http://it.ibtimes.com/articles/50939/20130616/grecia-orchestra-sinfonica-chiude-lacrime.htm
Dopo la chiusura d'imperio e improvvisa della televisione pubblica nazionale ERT da parte del governo greco di Antonis Samaras, chiude dopo 75 anni di vita l'Orchestra Sinfonica Nazionale greca. L'orchestra ha dato l'addio (anche se si spera sia solo un arrivederci) al proprio pubblico suonando l'inno nazionale greco nel corso di un concerto che ha suscitato commozione, non solo per la grande folla (compresi centinaia di giornalisti) radunatasi per ascoltare l'ultimo concerto, ma anche per gli stessi esecutori, che si sono mostrati con vistose lacrime agli occhi.
Intanto si apre un piccolo spiraglio per la tv di Stato: uno dei sindacati dei dipendenti della tv pubblica hanno presentato un ricorso all'Alta Corte di Stato greca, poiché si ritiene che la chiusura di ERT possa essere incostituzionale. Una decisione preliminare a riguardo è attesa per il prossimo lunedì e nel caso in cui dovesse essere rilevato un sospetto di effettiva incostituzionalità, il governo dovrebbe ripristinare il segnale entro 24 ore, in attesa di un giudizio più approfondito nei mesi successivi.
Intanto c'è maretta nella coalizione di governo, in attesa del vertice di maggioranza: non si esclude che il Paese possa essere richiamato alle urne nel corso di questa estate. Il premier greco Samaras potrebbe essere tentato di andare ad elezioni forte dei sondaggi che gli assegnerebbero la possibilità di governare in solitaria, ma pesano due incognite non di poco conto: innanzitutto i sondaggi non ancora scontano l'ondata emotiva collegata alla chiusura della TV di Stato; inoltre è altresì possibile che i partiti di centrosinistra decidano di riunirsi in una alleanza dal sapore molto amaro non solo per i conservatori di Samaras, ma anche per la Troika che, nonostante le ammissioni dei propri errori in terra greca, continua ad erogare aiuti in cambio di una sostanziale occupazione del Paese.