logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

mercoledì 13 marzo 2013

Beppe Grillo: «Voglio un piano B per l'Europa»

http://www.lettera43.it/economia/macro/beppe-grillo-voglio-un-piano-b-per-l-europa_4367587348.htm

Grillo all'Handelsblatt: «I Paesi del Nord ci lasceranno cadere». E sulla moneta unica: «Referendum».

È tornato ad attaccare l'Europa e la sua moneta unica. E lo ha fatto dalle pagine di un qupotidiano economico, l'Handelsblatt.
Beppe Grillo ha sentenziato che «L'Italia è di fatto già fuori dall'euro», spiegando che i Paesi del Nord Europa, manterranno l'Italia nell'eurozona «finché non riavranno gli investimenti effettuati dalle loro banche sui titoli di Stato italiani. Dopo ci lasceranno cadere come una patata bollente».
Una frase che è stata ripresa, nel giro di poche ore da tutta la stampa tedesca. E la notizia ha fatto capolino anche nelòla sede della Borsa di Francoforte. Ma Grillo, neo-presidente del MoVimento, ha precisato: «Ho solo detto che volevo un piano B per l'Europa».
LE LACUNE DELL'UNIONE. «Dobbiamo chiederci cosa è successo in Europa», ha incalzato il comico genovese, «perché non c'è una  politica d'informazione comune, una politica fiscale comune, una politica d'immigrazione comune e perché solo la Germania si è arricchita». Grillo ha poi auspicato un maggiore coinvolgimento dei cittadini nel processo decisionale nell'Ue: «Farò un referendum online sull'euro, sulla direttiva Bolkestein, sul Trattato di Lisbona: tutti temi per i quali la nostra Costituzione è stata ignorata», ha aggiunto.
«GERMANIA, UN MODELLO». Non solo Europa. O almeno, non solo Eurozona nel suo complesso. Beppe Grillo non risparmia critiche nemmeno a Berlino, chiedendosi «perché si è arricchita soltanto la Germania», anche se «rimane per noi un modello. In quanto il suo prodotto interno lordo negli ultimi decenni è aumentato 12 volte». Per Grillo se i tedeschi  «non lavorano più ore di quanto facessero prima», nonostante la popolazione sia raddoppiata, lo devono alla «produttività. Che è importante. Anche noi dobbiamo aumentarla. Perché (il futuro) si costruisce soltanto con lo sviluppo».