logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

giovedì 10 gennaio 2013

Scusateci ma non abbiamo Ciccioline...

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/valdaosta/2013/01/scusateci-ma-non-abbiamo-ciccioline.html


 
Cicciolina-Ilona-Staller-Compleanno-60anni-Pensione-Parlamentare-Novembre-2011-18111114.jpg
Non so se potremo essere perdonati. Tra i candidati del Movimento 5 stelle al Parlamento non spicca nessun nome famoso.
Non abbiamo atleti o atlete olimpiche come la Vezzali, grandi industriali, giornalisti venduti, paladini dell'antimafia, figli di politici, ex sindacalisti. Ma soprattutto non abbiamo vecchi conosciuti politici allevati a pane ed ideologia nelle segreterie dei vari partiti che cercano di conquistare un seggio, quasi che fosse un premio di fine carriera: il regalo che ti danno con i punti accumulati al supermercato per la fedeltà.
Non abbiamo ragazze di plastica con il seno rifatto, sui tacchi a spillo in minigonna ma studentesse, insegnanti, impiegate, professioniste, commercianti che hanno saputo crescere i figli e lavorare facendosi un mazzo tanto e che non sono costrette a chili di fondo tinta e carne in esposizione per nascondere il vuoto dei cervelli.
Noi restiamo convinti che il consenso e quindi i voti si guadagnino con la credibilità, l'impegno, i sacrifici e l'informazione non sfruttando la fama di alcuni personaggi esibiti come trofei che hanno il solo compito di attirare, come specchietti per le allodole, un voto di simpatia o di momentanea emozione.
La nostra è una politica che ha bisogno, prima di tutto, di un ricambio di persone che siano fuori dai soliti giochetti, dalle conoscenze, dagli apparati di partito e che possano dare il meglio di loro con grande impegno per un periodo limitato a due incarichi al massimo.
Se non cambieranno le persone ci ritroveremo, dopo il 24 febbraio 2013, con uno zoppicante governo misto tecnico politico con Berlusconi o/e Bersani al servizio dei guardiani delle banche con a capo Monti. Non illudetevi sui numeri dei sondaggi che stanno gettando solo fumo negli occhi per nascondere l'inciucio post elettorale.