logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

sabato 5 gennaio 2013

A Reggio Emilia e provincia l'acqua sarà fuori dal mercato

http://www.ilcambiamento.it/beni_comuni/acqua_pubblica_reggio_emilia.html

Il 21 dicembre, giorno di rinascita e cambiamento, è giunta la storica decisione da parte dell'assemblea dei sindaci reggiani: il contratto con la multiutility Iren non verrà rinnovato, né si procederà al bando europeo per l'assegnazione. Il servizio idrico verrà piuttosto affidato ad un ente totalmente pubblico, probabilmente una azienda speciale.

di Andrea Degl'Innocenti 


Festa referendum
Nella provincia di Reggio Emilia si è compiuto un passo importantissimo sulla via della ripubblicizzazione
Buone notizie dal fronte della battaglia per l'acqua pubblica. Nella provincia di Reggio Emilia, la stessa che aveva condotto alle urne la maggiore percentuale di votanti nei referendum del 2011, si è compiuto un passo importantissimo sulla via della ripubblicizzazione: il 21 dicembre i sindaci del territorio reggiano riuniti nelConsiglio Locale di Atersir(l'ente che ha sostituto gli Ato emiliani), hanno deliberato che il servizio idrico dell'intera provincia sarà affidato "in house" a un soggetto interamente pubblico.
Il movimento per l'acqua pubblica e i milioni di cittadini che hanno votato ai referendum hanno dunque potuto respirare una boccata d'aria pura – o per meglio dire, bere un sorso d'acqua fresca – seppur in parte inquinata dalle delusioni post-natalizie, con l'Autorità per l'Energia Elettrica ed il Gas che il 28 dicembre ha approvato il nuovo Metodo Tariffario Transitorio 2012-2013 per il Servizio idrico Integrato aprendo le porte ai profitti sull'acqua, in netto contrasto col secondo quesito referendario.
Ma torniamo alla provincia di Reggio Emilia e alle buone notizie. La decisione era stata preceduta da una serie di colpi di scena politici che avevano visto i gruppi locali del Partito democratico, in particolar modo quello del comune di Reggio Emilia, guidato dal sindaco Graziano Delrio, cambiare improvvisamente rotta e passare sulla sponda dell'acqua pubblica.
Solo pochi mesi fa, a settembre, Delrio si era schierato di fatto a favore delle privatizzazioni sostenendo che era impensabile scorporare la gestione dell'acqua da Iren, l'enorme multiservizi che gestisce i servizi locali nel reggiano e in altre zone d'Italia. In precedenza si era detto persino favorevole alla fusione della stessa con Hera, per creare una colossale multiutility, una sorta di multinazionale dei servizi locali.
Poi l'improvviso cambio di rotta, sancito il 17 dicembre dal voto del consiglio comunale reggiano che impegnava il sindaco Delrio a prendere una posizione netta e decisa a favore della ripubblicizzazione del servizio idrico in sede di assemblea dei sindaci. La decisione del gruppo Pd è arrivata all'ultimo istante, tenendo col fiato sospeso il Comitato Acqua Bene Comune, promotori della mozione.
Ma cosa c'è dietro all'improvviso dietrofront? Probabilmente ha pesato – eccome – la manifestazione che proprio a Reggio Emilia si è tenuta il 15 dicembre. In quell'occasione sono scese in piazzapiù di mille persone a chiedere a gran voce il rispetto dei referendum ed un ritorno ad una gestione pubblica e partecipata della risorsa.
Altrettanto importante è stata la battaglia interna al partito condotta da Mirko Tutino, assessore provinciale all’ambiente da tempo impegnato nella trattativa tra sindaci e comitati.
Così si è giunti dapprima alla mozione del comune di Reggio Emilia, infine alla la decisione storica presa dall'assemblea dei sindaci del reggiano. Proprio il 21 dicembre, giorno di rinascita in cui i Maya indicavano l'inizio di una nuova era, è giunta la sentenza: il contratto con Iren, scaduto da un anno e attualmente in proroga, non verrà rinnovato; né si procederà al bando europeo; piuttosto la gestione del servizio idrico tornerà nelle mani del pubblico, probabilmente sotto la forma di una azienda speciale (queste le linee emerse dall'assemblea dei sindaci).
Reggio Emilia e dintorni diventerà dunque con ogni probabilità il secondo ambito territoriale italiano ad applicare i dettami del referendum. Il primo è stato Napoli, che proprio lo scorso 21 novembre grazie alla giunta De Magistris ha convertito la società per azioni Arin nell'azienda speciale ABC Napoli (con ABC che sta per Acqua Bene Comune).
Qui sotto il video di un estratto dell'assemblea dei sindaci del reggiano in cui si è giunti alla storica decisione: