logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

sabato 30 giugno 2012

Acqua Connection: nomina e soldi irregolari per il Direttore Generale

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/reggio_nell_emilia/2012/06/acqua-connection-nomina-e-soldi-irregolari-per-il-direttore-generale.html


Reggio Nell'Emilia - 
graziano-delrio.PNG
Il Direttore Generale del Comune di Reggio Emilia è stato rinominato irregolarmente Amministratore Unico di Agac Infrastrutture, proprietaria delle reti dell'acqua, ed ha percepito soldi anche se vietato da una Delibera di Consiglio
Il Direttore Generale Mauro Bonaretti, come Amministratore Unico e Presidente della società Agac Infrastrutture spa, ha percepito nel 2011 diecimila euro di compenso, come reso noto dall'Amministrazione Comunale nel rendiconto annuale sugli amministratori delle società partecipate.
Anche per il 2012 Bonaretti, prenderà il compenso come Amministratore Unico della società Agac Infrastrutture, per quest' anno previsto in 9000 euro, così come comunicato dal Comune.
Questi compensi violano e violeranno la delibera di Consiglio 136 del 2009, approvata ad inizio mandato. Consiste nei criteri con cui il Sindaco effettua le nomine nelle società partecipate. Questa Delibera parla chiaro:
"Non possono, altresì, essere nominate o designate persone che, sotto qualsiasi forma, svolgono attività alle dipendenze del Comune, a meno che le persone nominate svolgano l'incarico a titolo gratuito.
Comunque l'eventuale provvedimento di nomina o designazione, opportunamente motivato, sarà sottoposto alla Commissione di Controllo e garanzia.
"
Mauro Bonaretti, Amministratore Unico di Agac Infrastrutture dal 2005, è stato riconfermato sia nel 2006 che nel 2008. Non sottostava alla regola di svolgere il suo incarico a titolo gratuito fino al rinnovo della nomina, avvenuta il 27 maggio del 2011 ed iscritta alla Camera di Commercio l'1 giugno 2011.
Da quel momento poteva svolgere il ruolo di Amministratore, secondo la Delibera di Consiglio, solo a titolo gratuito. Da quanto risulta, invece, dagli atti pubblicati dal Comune, ha non solo percepito il compenso nel 2011, ma è previsto che li riceva anche nel 2012.
A ciò si aggiunga che la nomina ha violato la stessa Delibera, in quanto doveva essere sottoposta alla Commissione di Garanzia e Controllo del Consiglio Comunale, e questo non è mai avvenuto.
Le responsabilità sono chiare: ricadono sul Sindaco Graziano Delrio, che esegue la nomina come previsto dalla legge.
Si tratta di un atto politico estremamente grave. Proprio nei giorni della nomina si svolgeva lacampagna referendaria per l'Acqua Pubblica. Agac Infrastrutture spa detiene la proprietà delle reti idriche di tutta la Provincia, ed è stato da noi più volte denunciato come sia un vero e proprio bancomat attraverso cui i Comuni fanno la cresta sulle bollette dell'acqua pagate dai cittadini.
Prima di farne Amministratore Unico il Direttore Generale del Comune, quello di Reggio, che detiene la maggioranza assoluta (il 52%) e che beneficia dei maggiori dividendi, Delrio avrebbe dovuto pensarci bene. Evidentemente non si fa scrupoli, anche di violare le delibere di Consiglio.
Il comportamento pervicace della società Agac Infrastrutture spa non è qualcosa di "inevitabile", basta guardare cosa fa Acque Vicentine, che con una bella lettera agli utenti ha annunciato larestituzione ai cittadini degli utili generati dalla gestione.
Reggio 5 Stelle presenterà interrogazione scritta per chiedere la revoca della nomina e la restituzione di tutti compensi successivi all'ultimo rinnovo.