martedì 21 febbraio 2012

Baratto e solidarietà, le 'altre' scelte in tempi di crisi

La crisi può indurre produttori ed aziende ad attuare strategie alternative per risanare i bilanci. Nasce su quest'onda il network 'Cambiomerci' come supporto al baratto di merci, utilità e software fra imprese. Ma il baratto può essere reinventato anche in modo solidale, come da anni tentano di fare i Gruppi di Acquisto.

di Elisa Magrì 


baratto
In tempi di crisi imprenditori e produttori in difficoltà con i bilanci riscoprono il valore del baratto
Si sa che il tempo della crisi è il tempo delle scelte creative. Imprenditori e produttori in difficoltà con i bilanci riscoprono il valore del baratto. Così nasceCambiomerci.com, un network di baratto fra aziende che desiderano dimezzare i costi senza rimetterci in termini di produttività.
Il principio è fare a meno del denaro liquido (almeno in parte) per mettere a disposizione i beni fisici. Se, ad esempio, una società di telefonia ha bisogno di finanziare una campagna di promozione pubblicitaria su carta stampata, aderendo al networkCambiomerci potrà trovare un editore disposto a procurarle carta e spazi pubblicitari ad un costo vantaggioso per entrambi.
Si tratta di una delle storie riportate dal portale ufficiale del network: “Cambiomerci ha soddisfatto entrambe le parti: considerando, per praticità, che cento fosse la somma da pagare all'editore, cinquanta sono stati pagati in cash e cinquanta con loscambio di prodotti. La società di telefonia ha messo a disposizione del barter prodotti per un valore pari a cinquanta, e ha ottenuto i crediti necessari per concludere l'operazione intaccando la liquidità in misura inferiore che se avesse concluso l'operazione al di fuori del circuito di barter. L'editore non ha perso l'affare, vendendo lo spazio pubblicitario, ed ha ottenuto crediti utili all'interno del barter”.
L'iniziativa, riportata anche da Ballarò, è indubbiamente originale e sembra rilanciare un modello alternativo al paradigma dominante dello scambio monetario.
In realtà l'aspetto più importante di questo network è il risalto attribuito all'interazione fra aziende, ma lo scopo rimane quello della convenienza dell'affare, senza rovesciare nessun modello economico. Non occorre citare Marcel Mauss o Karl Polanyi per ricordare che fra baratto e scambio non c'è nessuna differenza. Ilbaratto rientra nella logica dello scambio di merci in funzione utilitarista e a contraddistinguerlo non è tanto il come, quanto ilcosa.
rete"Lo scopo è anche il principio ed è quello della cooperazione solidale"
Una versione innovativa del baratto viene dall'esempio deiGruppi di Acquisto Solidale(G.a.s.). Realtà in crescita, come prova il suo diffusoriconoscimento e decisiva soprattutto per quei piccoli produttori che fanno scelte coraggiose, come quella di dedicarsi al biologico e di garantire condizioni etiche di lavoro ed impresa. I Gas non si basano sul dono e neppure fanno a meno del denaro, ma barattano progetti, qualità e fiducia all'interno di uno stesso territorio.
Le storie che nascono da questa iniziativa sono incoraggianti, come quelle del Gas Newroz di Pisa, che ha avviato e positivamente intrapresa la campagna di pre-finanziamentoAdottiamo un albicocco a sostegno di un produttore in difficoltà. Il principio, in questo caso, non è fare dell'assistenzialismo, ma neppure ricavare la massima convenienza dallo scambio. Lo scopo è anche il principio ed è quello dellacooperazione solidale.