giovedì 16 febbraio 2012

A.C.T.A. Vogliono Fregarci?

DI GIANPAOLO MARCUCCI
A.C.T.A. L'Anti-Counterfeiting Trade Agreement ("accordo anti-contraffazione”) è la proposta di un accordo commerciale plurilaterale dedicato alla protezione della proprietà intellettuale relativamente a beni, merci e servizi materiali e immateriali. L'accordo ha come obiettivo principale la creazione di standard internazionali per rendere effettiva la tutela dei diritti di proprietà intellettuale e contrastare efficacemente contraffazione e pirateria. (Wikipedia)
Divieto di produzione e vendita dei farmaci generici più economici, monopolio della produzione agroalimentare con incredibili aumenti dei costi da parte dei piccoli produttori, censura della rete e fine del web così come oggi lo conosciamo; gli aspetti di ACTA che sembrano essere controversi ed incredibilmente pericolosi per la democrazia e il benessere globale sono davvero molti. E' possibile che con la scusa della crociata alla contraffazione le grandi lobbies mondiali stiano provando a fregarci per bene senza nemmeno passare per il consenso popolare?
Lo abbiamo chiesto a Niccolò Rinaldi, Europarlamentare dell'Italia dei Valori.