logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

sabato 22 ottobre 2011

Giuseppe Uva, morto per un farmaco, o ennesimo omicidio di Stato?

Raccontai la storia di Giuseppe Uva più di un anno fa (vedi link 1 , 2 , 3 , 4 )  ma finalmente sembra che qualcosa si stia muovendo, o che almeno i media nazionali si degnino di parlarne (nei giorni scorsi ne hanno parlato 'Le Iene') … sembra l’ennesimo caso Cucchi, Aldovrandi, Bianzino, Rasman, Lonzi, Sandri … insomma l’ennesimo omicidio di Stato!
Giuseppe Uva viveva a Varese, 43 anni … Era il 14 giugno 2008 e secondo ricostruzioni, leggermente ubbriaco, insieme ad un amico sposta delle transenne e blocca una strada … poco dopo arrivano i carabinieri che portano i due in caserma (già qui si parla di inseguimenti, botte) … ma Giuseppe non ne uscirà mai vivo!
Col passare del tempo sono usciti fuori altri particolari, come che Alberto Bigigiore (l’amico di Giuseppe) sentendo le urla di dolore di Uva, probabilmente massacrato dagli agenti, chiama il 118 con il suo cellulare, chiedendo un’ambulanza,  che purtroppo non arriverà mai … verranno in seguito pubblicate le telefonate e si scoprirà che in caserma dopo esser stati contattati dal 118 che chiedeva conferme sulla questione, veniva negato il bisogno di qualunque tipo di soccorso, tanto più di un’ambulanza. Solo più tardi veniva ricontattato il 118 dalla stessa caserma ma per chiedere un TSO e il trasferimento nel reparto psichiatrico (Giuseppe Uva, come è stato confermato da tutti i testimoni non era pazzo … perchè chiamare un TSO?), dove il 43enne muore poche ore dopo per arresto cardiaco. Dagli esami tossicologici risultano somministrati farmaci controindicati in caso di assunzione di alcool (questa la prima ipotesi, poi smentita).
Ma subito si capisce che qualcosa non quadra .. il corpo di Uva viene trovato martoriato da botte e lividi, forse una sigaretta spenta sul viso (la seconda foto sotto), e tantissimo sangue perso dal retto … e proprio in questi giorni le rivelazioni scioccanti di tracce rilevate sui suoi abiti … “matrici biologiche” oltre al sangue:  “sperma, urine, feci”.
image
image
Ripropongo il servizio di Carlo Lucarelli su Raitre che fa una ricostruzione della vicenda … sperando che un giorno si possa sapere la verità e finalmente avere giustizia! Se in questo paese ne esiste una!

(Ricostruzione della vicenda. Intervista alla sorella di Giuseppe Uva e a Alberto Bigiogero. Intorno al minuto 8:00 potrete ascoltare la telefonata integrale della chiamata di Bigiogero al 118, che chiedeva un ambulanza)