logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

sabato 23 luglio 2011

Immagini del 22 luglio


Tutto esaurito al primo incontro con Carlo Petrini, ecco alcune immagini della prima serata.
Stefano Pisani, apre la serata ringraziando i relatori intervenuti nella memoria di Vassallo che voleva questo festival ed era l’ultimo impegno a cui stava lavorando. L’incontro, come da programma, è stato preceduto dallo spettacolo di Alessandro Nidi, al piano, e di Mascia Foschi, vocalist, in “Maredamare”.

Elisabetta Moro modera l’incontro e introduce Marino Niola, il quale ricorda l’importanza dei miti e il loro significato in ambito antropologico, poi Silvio Barbero snocciola dati preoccupanti circa la biodiversità marina messa in crisi dall’attuale modello di sviluppo. Gianluca Marconi ricorda il modello città slow e Piero Cannizzaro ricorda i suoi lavori per Slow Food, testimoniando un nuovo modello civico e nuovi stili di vita proprio nelle città slow.
Le parole di Petrini scaldano la piazza e coinvolgono i cittadini sui temi della vita quotidiana, ma da un “altro punto di vista”, più volte citato, quello del “cambio del paradigma culturale“.
I relatori ricordano e omaggiano Angelo Vassallo invitando tutti a raccogliere il testimone lasciato dal Sindaco pescatore.
Petrini è un fiume in piena, cita dati e numeri del disastro politico, economico e sociale, secondo lui, figlio di un’idea malsana di sviluppo – insostenibile – che ci ha condotti “col sedere a terra e che questa non è una crisi passeggera ma molto seria. Domani sera ascolterete il teorico della decrescita felice” – Maurizio Pallante – “e quelle sono le idee da applicare“, esorta Petrini.