domenica 17 aprile 2011

Lettera al Prefetto di Milano - Parlamento pulito



Squadra di pulizia del MoVimento di Milano

Ieri, sabato 16 Marzo, il MoVimento 5 stelle Milano ha voluto ricordare le 350'000 firme raccolte l'8 settembre 2007 durante il primo V-DAY a sostegno della legge di iniziativa popolare "parlamento pulito".
In una Lettera consegnata ieri mattina al Prefetto di Milano abbiamo precisato che il MoVimento non demorderà nell'avere giustizia per questa legge e per la volontà di centinaia di migliaia di cittadini italiani. Il quorum pari a 50'000 firme certificate è stato superato di sette volte, un risultato incredibile raggiunto in una sola giornata grazie al web, eppure nulla è stato discusso, nulla è stato votato; alla faccia dell'art. 71 della Costituzione italiana.
"Il popolo esercita l'iniziativa delle leggi, mediante la proposta, da parte di almeno cinquantamila elettori, di un progetto redatto in articoli" Art 71 Cost, comma 2
Sempre nella giornata di ieri, dopo aver consegnato la lettera, ci siamo spostati in piazza San Babila e abbiamo dato il via ad un presidio durato fino a sera, centinaia le persone in piazza e munite di scope, per ricordare che c'è una Milano che non se la beve.
piazza San Babila con Mattia e Beppe
"Ill.mo Signor Prefetto,

il giorno 14 dicembre 2007 Giuseppe Piero Grillo ha depositato al Senato della Repubblica  350 mila firme di cittadini italiani che hanno sottoscritto la proposta di legge di iniziativa popolare denominata "Parlamento pulito" a fronte di un minimo richiesto di 50.000 firme.
La legge propone che:
1.     In Parlamento non siano candidabili i cittadini condannati in via definitiva;
2.     Sia introdotto il limite di due legislature per i parlamentari;
3.     Che sia ripristinata la possibilità per l'elettore di esprimere la preferenza.
Tre proposte di buon senso entrate pienamente nel dibattito politico attuale, che esprimono il disagio di un'opinione pubblica che percepisce con crescente insofferenza la classe politica.
La proposta è stata assegnata in sede referente alla 1^ Commissione Parlamentare per gli Affari Costituzionali, che in un susseguirsi senza fine di sedute e rinvii, di proposte di audizione, di consulenze tecniche mai effettuate, ancora oggi non è stata porta all'attenzione del Parlamento Italiano affinché possa esprimersi con il voto.
Vorremmo ricordare, in proposito, che i disegni di legge d'iniziativa popolare si tramandano, per norma del Regolamento, alla legislatura immediatamente successiva ma vengono meno, in quanto tali, in quella che segue ancora, cosicché un'eventuale inerzia parlamentare sul testo in questione determinerebbe la necessità di riprendere daccapo l'iniziativa, vanificando la volontà di 350 mila cittadini.
La mancanza di interesse a concludere l'esame della proposta di legge, ignorando l'espressione legittima di 350 mila cittadini, conferma l'opinione diffusa di una classe politica distante dalle istanze del popolo che rappresenta e rende palesemente falsa l'idea di Popolo sovrano.
Nella giornata odierna, in tutta Italia, cittadini stanno manifestando per ricordare quella proposta di legge e ci rivolgiamo alla S.V., in qualità di più alto rappresentante territoriale dello Stato, affinché intervenga presso le sedi istituzionali perché sia data celere definizione ad un processo democratico di partecipazione dei cittadini alla vita pubblica.
Confidando nel Suo autorevole intervento, inviamo distinti saluti."
MoVimento 5 stelle Milano - Amici di Beppe Grillo Milano, Meetup 1