lunedì 21 marzo 2011

Il Nucleare della Sera

Fassino_nucleare.jpg
Lo tsunami è avvenuto l'11 marzo 2011, l'allarme nucleare è scoppiato due giorni dopo, il 13 marzo. Il 19 marzo, solo SEI giorni dopo, il più disastroso incidente nucleare della Storia è stato sepolto dal Corriere della Sera (Nucleare della Sera ad honorem). Sabato 19 marzo solo due righe (di numero) in prima pagina sotto la vignetta di Giannelli. Grande rilievo invece nel paginone di apertura, oltre alla Libia, a "L'Europa assolve il crocefisso in aula", "Schiaffi e minacce. Maestre arrestate", "Un argine alle scalate francesi". Uno spazio più importante di Fukushima è stato persino dato a: "Tedeschi per l'Inter. Evitate Real e Barcellona" e all'importantissimo "Per eredità e affitti conciliazione sui litigi". Il lettore, rassicurato sul plutonio che rischia di sterminare i giapponesi e sul nucleare di ultimissima generazione (quello di Fini e della Prestigiacomo), ha potuto informarsi solo a pagina 18 sul Giappone. Per dire, a pagina 17, ben più importante era il "Video di minacce a Scilipoti. Tensioni tra u Responsabili" e a pagina 16 la lettera di Rutelli "Il 17 marzo sia sempre festa". Che SCHIFO!
Ps: Le "Facce da nucleare" dell'opposizione che si sono assentate alla votazione per l'accorpamento del referendum con le elezioni amministrative sono: Capano, Cimadoro, Ciriello, D'Antona, Farina, Fassino, Fedi, Gozi, Madia, Mastromauro, Porcino, Samperi.
- Scarica il volantino delle "Facce da nucleare" e diffondilo
- Partecipa a "Spegni il nucleare" con il referendum su FB