logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

domenica 27 febbraio 2011

Scuola, Brunetta:"Studenti Onda sono guerriglieri e verranno trattati come guerriglieri"


Brunetta critica cortei in università ma si dichiara "un democratico"
Bisognerebbe che ogni tanto si facesse qualche ripasso, prima di autodefinirsi "democratico": «Spesso abbiamo stampato la parola Democrazia. Eppure non mi stancherò di ripetere che è una parola il cui senso reale è ancora dormiente, non è ancora stato risvegliato, nonostante la risonanza delle molte furiose tempeste da cui sono provenute le sue sillabe, da penne o lingue. È una grande parola, la cui storia, suppongo, non è ancora stata scritta, perché quella storia deve ancora essere messa in atto. »
   
(Walt Whitman, Prospettive democratiche)
Brunetta critica cortei in università
"Guerriglieri e verranno trattati come guerriglieri". Queste le parole del ministro Renato Brunetta, parlando degli studenti dell'Onda. A chi gli faceva notare che la protesta sta crescendo nella scuola il ministro ha replicato: "Non vedo molta protesta, vedo ogni tanto delle azioni di guerriglia da parte dell'associazione Onda. Ma vedo che nelle votazioni degli organi di rappresentanti degli studenti, l'Onda non esiste".
"Sono un democratico - ha spiegato il ministro, riferendosi alle recenti elezioni studentesche - e credo molto di più al voto che alle azioni di guerriglia".

SCUOLA: PEDICA (IDV), ACCOGLIERE POSIZIONI DI DISSENSO

UNIVERSITA': FIORONI,GELMINI SI SCUSI A NOME GOVERNO PER PAROLE BRUNETTA

(ASCA) - Roma, 19 mar - ''Il ministro dell'Istruzione chieda scusa, per conto del governo, per le parole dissennate pronunciate dal suo collega Brunetta: il ministro Gelmini, che conosco come persona moderata, sa bene che gli studenti rappresentano il futuro di questo Paese e che ascoltarli e dare risposte anche quando protestano, senza mai giustificare le violenze, e' un dovere. Ma additare genericamente come guerriglieri gli studenti, soffiando sul fuoco e fomentando gli animi, e' un atteggiamento irresponsabile del quale il ministro Gelmini non puo' rendersi spettatrice passiva''.
Lo dichiara il responsabile educazione del Pd, Giuseppe Fioroni.