logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

sabato 5 febbraio 2011

I numeri non mentono mai

4 febbraio 2011 I numeri non necessitano di commenti, i numeri sono numeri, è la storia dei giudizi e dei voti, anche su questo argomento l’Italia si è schierata, chi preferisce i primi perchè tengono conto delle sfumature, chi i secondi, perchè il numero in una scala 1-10 ti dà la posizione esatta del tuo apprendimento. Ora, se la situazione economica italiana è disastrosa e sono i numeri che parlano, anzi urlano, qualche rinuncia la dobbiamo fare tutti. I consiglieri regionali Bono e Biolè hanno proposto la riduzione degli stipendi regionali da un minimo di 7500 € ad un massimo di 16000 € netti mensili, a circa 3000 € netti al mese ad un massimo di circa 6600 €. Ora io vorrei fare alcune riflesioni ad alta voce citando la petizione che, dopo la votazione a maggioranza contraria in aula, porteremo comunque avanti: - riportare le indennità dei Consiglieri alla prima determinazione del 1972, cioè il 55% delle indennità dei parlamentari italiani (che sono già tra le più alte d’Europa) per un totale di 6437 Euro lordi mensili contro gli oltre 9000 attuali; esiste un lavoro dove il lavoratore si determina lo stipendio e se lo incrementa? - ridurre le indennità di funzione aggiuntive a partire dal Presidente della Giunta e degli Assessori; esiste un lavoro dove solo una parte di stipendio è tassata? - sopprimere i gettoni di presenza di circa 122 Euro a seduta. presentarsi in aula è un lavoro, non un premio, perfino i medici bollano la cartolina, perchè i consiglieri regionali no. - sopprimere i rimborsi forfetari; un rimborso va sempre rendicontato - ridurre i rimborsi spese chilometrici (passando da 0,46 eurocent al km, a 0,30 eurocent, corrispondente al corrispettivo ACI per un auto più piccola e più ecologica, ad esempio classe C a benzina/gpl) ma il treno e i mezzi pubblici se vanno bene per i cittadini, perchè non li possono usare anche loro? - sopprimere il vitalizio, variabile dai 3000 € mensili dopo 5 anni di mandato fino ai 9000 € dopo 20 anni di mandato. dopo 5 anni già in pensione mentre viene sempre più allungata l’età pensionabile dei cittadini. Ora un giudizio lo darei, un po’ perchè mi piacciono le sfumature, un po’ perchè i numeri hanno detto tutto quello che avevano da dire. La politica è GRAVEMENTE INSUFFICIENTE i politici sono MOLTO SCARSI gli italiani BUONI CON INDULGENZA la sanità APPENA SUFFICIENTE la scuola NON SEMPRE BUONA ma noi DISCRETI andiamo avanti… firma anche tu la petizione. Condividi Questo Articolo!