venerdì 17 dicembre 2010

Vittime sangue infetto


Quando atrraverso facebook decisi di cominciare a parlare di Sangue infetto e della oscura pagina che riguardava questo argomento ero in un momento esistenzjale particolare.La necessita'primaria in quel momento era cercare di non impazzire dietro questa vicenda che mi accompagna personalmente da vent'anni...vent'anni di silenzio e isolamento forzato,tempo sufficiente per aggiungere disastri al disastro,con una rabbia che mi avvicinava molto a quella del kamikaze islamico.Avevo necessita' di togliermi un peso che la mia curiosita',maledetta curiosita', mi aveva messo addosso.Curiosita' alimentata dalla disperazione di trovare la giustificazione su un destino cosi' amaro...non so neanche io dire da dove ho tirato fuori le forze per essere oggi a raccontarvi questo...non si è trattato per me di combattere contro le malattie solamente,era l' immagine di un ferito a morte che assiste al banchetto del suo carnefice che dava a me le sofferenze piu' forti...era l'essere ferito costantemente nella dignita' di individuo messo in un angolo e mortificato ,vessato,un desaparecido vivente, e per di piu' isolato,in una terra di nessuno abitata da una moltitudine di miei simili...nel confronto con essi si è cominciato a elaborare un fitto scambio di informazioni che ci ha portato a creare le linee comuni per un eventuale intervento attivo che l'occasione della transazioneha poi generato...il presidio a Montecitorio nel mese di settembre ha permesso di incontrarci,di conoscerci,di abbracciarci,di stare insieme...ed insieme essere protagonisti e parte attiva di una denuncia coraggiosa che ha toccato molti..esempio di militanza attiva che ci ha portato oggi ,con l'avvento della imminente costituzione del Comitato vittime del Sangue Infetto in Associazione,che avverra' entro questo mese di dicembre...questo per acquisire quella personalita' giuridica necessaria per poi poterci porre come referenti nei confronti di quelle Istituzioni che per tanto tempo ci hanno nascosti perche' numeri rappresentativi di una Strage...di stato...che non appartiene al passato ma è attualissima...due compagni di viaggio questo mese se ne sono andati senza aver ricevuto indietro un briciolo di dignita'...per loro organizzeremo un corteo a Roma per deporre due corone ai piedi dell'ingresso del ministero della Salute...di ringraziamento... per la loro sensibilita'.Sara' un' anticipazione del presidio che ripartira' a Roma nei tempi piu' veloci possibili.Sulla nostra pagina web, vittime del sangue infetto, troverete le nostre iniziative e anche informazione,video,commenti....grazie per il contributo che fino ad oggi avete dato.....CONTINUATE A SOSTENERCI