logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

martedì 21 dicembre 2010

Bocciati ma contenti?

Oggi l'Assemblea Legislativa Regionale è stata impegnata nell'approvazione del Bilancio. Abbiamo presentato 5 emendamenti alla Legge Finanziaria, e uno alla Legge di Bilancio.
Gli emendamenti sono stati bocciati, nonostante vari Consiglieri della Maggioranza si siano dichiarati concordi in linea di principio (sic!), siamo intervenuti sull'aumento delle tariffe per le aziende che prelevono ed imbottigliano acqua di sorgente, l'incremento delle tariffe sul materiale da cava estratto dal sottosuolo, la lotta contro le barriere architettoniche per i disabili e il loro diritto a non vedere calcolare l'assegno di invalidità nel coefficiente ISEE.
Ancora una volta ci hanno contestano la presentazione degli emendamenti in aula, nonostante sia prevista e normata ai sensi del regolamento interno.
Aldilà dell'arroganza della maggioranza, su molte delle nostre proposte è arrivato un chiaro segnale di interesse. Allora non capiamo. Perché bocciano pregiudizialmente i nostri emendamenti se ritengono i temi importanti?
Comunque il nostro pungolo ha riacceso i riflettori su temi di grande rilevanza, di cui, passata la legge finanziaria, legifereremo in sede ordinaria.
Perché però, i tanti Consiglieri di Maggioranza, con l'ausilio dei tecnici dei quali si avvalgono, in questi mesi non sono riusciti ad avanzare proposte su Acqua, materiale estrattivo, tutela dei disabili? Noi abbiamo lavorato in questi ultimi giorni fino a notte fonda su metri cubi di carta e siamo stati accusati di facile propaganda solo per aver seguito il regolamento che consente la presentazione degli emendamenti direttamente in aula. Crediamo che il Consiglio non debba essere un parco buoi, dove recarsi solo ad alzare la mano come degli automi a seconda della propria casacca, ma pensiamo che debba essere un luogo di confronto serio e nel merito. Pare, come successe per la legge contro le infiltrazioni mafiose, che questi politici non amino molto la discussione pubblica in consiglio, così affezzionati come sono ai lavori a porte chiuse di commissione, che si svolgono appunto al riparo dai taccuini dei giornalisti e dalle dirette streaming...
aula.jpg