martedì 16 novembre 2010

New York, scarichi radioattivi nel fiume Mohawk

Nello Stato di New York, la centrale nucleare Knolls, di proprietà della General Electric, ha sversato 640 galloni di acque reflue contaminate da sostanze radioattive cancerogene nel fiume Mohawk. Un evento che mette seriamente a rischio la salute pubblica e l’equilibrio dell’ecosistema.

di Romina Arena -

fiume mohawk
640 galloni di acque reflue contaminate da sostanze radioattive cancerogene sono finiti nel fiume Mohawk
Negli Stati Uniti, secondo quanto riferito dal Department of environmental conservation (Dec), nel solo mese di ottobre almeno 640 galloni di acque reflue contaminate fuoriuscite dal Knolls atomic power laboratory si sono riversate nel fiume Mohawk, nello Stato di New York. Il Dec ha specificato che l’acqua fortemente contaminata da cesio 137, stronzio 90, uranio e plutonio si è riversata nel Mohawk a causa dello straripamento di un canale sotterraneo drenante.
A quanto pare, l’incidente sembra sia stato causato da un guasto ad una pompa elettrica. Lo sversamento sarebbe andato avanti per almeno tre ore sul lato ovest dell'area della Knolls, di proprietà della General Electric. La struttura della centrale risale agli anni Cinquanta, quando il governo federale Usa conduceva ricerche scientifiche sulle armi nucleari delle quali l'America, oggi, sta pagando un carissimo prezzo economico ed in termini di rischi alla salute e all'ambiente. L'impianto, diviso in tre sezioni e le cui attività riguardavano il recupero di uranio e plutonio dal combustibile nucleare esaurito, è rimasto in attività solo tre anni ed è stato chiuso nel 1953.
centrale knolls
Lo sversamento sarebbe andato avanti per almeno tre ore sul lato ovest dell'area della Knolls
Rick Georgeson, portavoce regionale del Dec, ha specificato che a causare lo straripamento è stata la massiccia precipitazione di piogge del 25 ottobre presso il sito di River Road, dove è in atto un processo di bonifica per ridurre i danni lasciati dall'inquinamento prodotto dalla ricerca sulle armi nucleari durante gli anni della Guerra Fredda. Un processo che è in atto già dal 2008, affidato dal Dipartimento dell'energia Usa al Washington Group International con un contratto da 69 milioni dollari.
Una notizia così importante, per un evento che rischia di compromettere irreparabilmente l’ecosistema, è stata però sottaciuta per giorni con la giustificazione che lo sversamento, in ogni caso, non avrebbe costituito una minaccia rilevante per la salute pubblica, sebbene gli elementi che hanno contaminato le acque siano notoriamente agenti cancerogeni.
Per quanto il Dec abbia consapevolezza della pericolosità dello sversamento, e il 3 novembre abbia emesso una citazione contro la Knolls per violazione del Clean Water Act degli Stati Uniti, e sebbene la stessa compagnia, come emerge in una dichiarazione dell’8 novembre, non sia a conoscenza della composizione dello scarico che defluisce nel fiume Mohawk, nonostante tutto, ancora non è stata emessa alcuna sanzione a carico dell’impianto nucleare.