logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

martedì 5 ottobre 2010

Mercato settimanale a Km 0 a Vallericcia

Mercato settimanale a Km 0 a Vallericcia

Ariccia punta a incentivare la produzione locale e le imprese agricole del territorio. Con questa finalità nasce il progetto sperimentale del mercato settimanale “a kilometri 0” a Vallericcia, che si terrà presso l’ex Kartodromo tutti i venerdì. Il progetto è frutto di un’intesa del Comune di Ariccia con la FIVA Commercio dei Castelli Romani e la Federazione Italiana Veicoli ad Energie Alternative ed è realizzato grazie all’accordo stipulato con la Kart Village srl proprietaria del Kartodromo, che metterà l’area a disposizione degli operatori commerciali.
“Il mercato a Vallericcia – afferma il Sindaco Emilio Cianfanelli – è un’iniziativa strategica per numerosi motivi. Innanzi tutto poniamo il mercato al centro della più importante area agricola di Ariccia, incentivando così la filiera corta e il kilometro 0, valorizzando al massimo la produzione ortofrutticola locale con un rapporto diretto tra produttore e consumatore. Inoltre viene messa a disposizione degli operatori e dei clienti un’area perfettamente attrezzata e sicura che dispone di un ampio parcheggio. Iniziativa strategica, infine, perché tesa a migliorare la fruibilità e la qualità della vita della parte sud della città, e a fungere da ulteriore stimolo al commercio e alla produzione della zona di Vallericcia”.
Il mercato settimanale di Vallericcia si andrà ad aggiungere a quello del lunedì di via dell’Uccelliera. Ariccia avrà quindi due giorni di mercato. L’area del dell’ex Kartodromo è attrezzata con servizi igienici e di ristorazione e dotata di un ampio parcheggio. Inoltre è stato attivato appositamente un servizio di bus navetta gratuito attivo dalle 7,00 alle 13,30 che collega con due navette il mercato sia con Ariccia che con Fontana di Papa. Le partenze sono ogni 20 minuti da p.zza di Corte e dai Piani di Santa Maria.
Un’iniziativa importante che ha dunque l’obiettivo, condiviso dagli operatori economici, di uno sviluppo economico e commerciale improntato alla sostenibilità ambientale ed orientato alla territorialità, stagionalità e tipicità dei prodotti, nonché allo standard di produzione biologica.