logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

martedì 14 settembre 2010

Lega ladrona: tutti gli sprechi del Carroccio tra auto blu e scuole bosine

Dietro la faccia anti-romana batte un cuore sciupone? A vedere le spese pazze degli uomini di Bossi per il folklore e gli affari interni, sembrerebbe proprio di sì
4954094443 341713a500 o Lega ladrona: tutti gli sprechi del Carroccio tra auto blu e scuole bosineLo scrive Mario Ajello in un articolo del Messaggero: il prossimo ad arrivare è il Giro della Padania, perché quello d’Italia non basta più ed è troppo nazionalista: le biciclette verdi sono pronte a concorrere al Tour della Padanie (i francesi lo chiameranno così?, si chiede Ajello) è pronto a diventare ministero dello Sport, con il ministero prossimamente spostato al Nord?
UNA PAGINATA - L’articolo di Ajello raccoglie tutte le spese pazze e i soldi facili della Lega. E le stranezze di legge, come quella del sottosegretario, deputato e presidente della provincia di Brescia Daniele Molgora, che ha triplo incarico nonostante sia vietato; così come Roberto Simonelli, onorevole e presidente della provincia di Biella, Gianpaolo Vallardi, parlamentare e sindaco di Chiarano, Massimo Bitonci, anche sindaco di Cittadella, Alberto Filippi, consigliere comunale a Vicenza, Giacomo Chiappori, sindaco di Villa Faraldi, Sandro Mezzatorta, sindaco di Chiari, Claudio D’Amico e Giovanna Negro, primi cittadini a Cassina e Arcole. E poi ci sono i soldoni per La Padania: a chi sono andati i finanziamenti per il giornale di partito? I 598 milioni sono andati in massima parte all’Unità, ma subito dopo c’è anche il foglio della Lega Nord: 50 milioni di euro, mica male per Roma Ladrona. E poi ci sono gli 800mila euro elargiti alla scuola Bosina di Varese, tenuta da Manuela Marrone, nell’istituto dove si insegnano filastrocche locali e tante materie folk.
LA PARENTOPOLI PIEMONTESE – Poi si racconta con dovizia di particolari della parentopoli piemontese, dove il neogovernatore ancora sub judice Roberto Cota permette il proliferare di parenti tra gli assunti dei consiglieri e degli assessori. E infine si tira in ballo anche Edouard Ballaman, che prese in ufficio la signora Laura Pace, compagna del compagno di partito Maurizio Balocchi, il quale ricambiò il favore assumendo la fidanzata (poi ex) di Ballaman. Il quale ha rinunciato all’auto blu (in cambio s’è fatto dare 3200 euro di risarcimento), e infine è stat costretto alle dimissioni. Un salto in Veneto, poi, ci permette di ammirare il presidente della provincia di Treviso che si regala spot da 200mila euro, o i lampadari da 920mila per la sede della provincia. E pure i 50 milioni da spendere in comunicazione che Luca Zaia, ora alla Regione Veneto, ha lasciato al suo successore Giancarlo Galan. Che se n’è lamentato: “Servono solo a favorire sprechi e parassitismi”.