logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

domenica 18 luglio 2010

Mobbing: il caso del maresciallo Cautillo

di Redazione

Mobbing: il caso del maresciallo Cautillo
6 interrogazioni parlamentari ( 4 nell'arco di quest'anno), 16 istanze per conferire con il Ministro della difesa, un appello al Capo dello Stato, una richiesta di risarcimento danni per discriminazioni sul lavoro pari a 1.200.000 euro, inviata direttamente al Ministero della difesa. Questi sono i dati “numerici” che correlano la vicenda del maresciallo dei Carabinieri Antonio Cautillo, in servizio presso la stazione di Santa Giusta, Oristano.
Tutte le interrogazioni hanno per oggetto la “discriminazione sul posto di lavoro” che il Maresciallo Cautillo avrebbe subito dal 1997 fino adesso.  Secondo quanto riportato dalle diverse interrogazioni al maresciallo sarebbe stato impedito di svolgere le mansioni inerenti il proprio grado e formazione rendendo “estremamente difficile la condizione di rapporto lavorativo”. Il maresciallo è stato infatti sottoposto anche a numerosi provvedimenti disciplinari, unitamente a “varie punizioni, una per essersi rivolto al Presidente della Repubblica, trasferimento d'autorità, minacce di destituzione permanente dall'Istituzione, una settima denuncia per disobbedienza al Tribunale Militare”.
Nel corso degli anni, inoltre, e sempre all'interno del contesto lavorativo, ha subito numerose denunce con conseguenti processi presso la Procura militare dai quali risulta essere stato sempre assolto per insussistenza dei fatti addebitatigli.
Questo quanto si legge nelle diverse interrogazioni, che, nel corso di quest'anno non hanno ricevuto risposta alcuna, come non ha trovato risposta la richiesta di conferire avanzata al Ministro della difesa, come stabilito e garantito dall'articolo 39 del regolamento di disciplina militare, nel rispetto di quanto stabilito dal decreto ministeriale n. 603 del 1993.
Tutti gli interroganti pongono infine la stessa domanda, quali siano i motivi per i quali il Ministro della Difesa non abbia ancora deciso di incontrare il maresciallo, per cosentirgli così l'esposizione diretta dei fatti e se questo non sia in qualche modo addebitabile alle convinzioni politiche dello stesso.
Dal canto suo Cautillo fa appello all'articolo 14 per la salvaguardia dei diritti dell'uomo che garantisce “il godimento dei diritti e libertà riconosciuti deve essere assicurato senza distinzione (..) di opinione politica” e alla legge n. 382 ( 11.7.1978) "Norme di Principio sulla Disciplina Militare", art. 17 dove si legge: "Nei confronti di militari (..) Sono vietate le discriminazioni per motivi politici o ideologici".
Le 4 interrogazioni parlamentari sono disponibili sul sito www.ficiesse.it