lunedì 10 maggio 2010

Se questo è un uomo


Savino Carbone ha 85 primavere ma non possiede una casa, dopo una vita di lavoro e di sacrifici. Sopravvive in perfetta solitudine nello sprofondo Sud di Orta Nova con una pensione di 444 euro al mese. Due anni fa aveva chiesto pubblicamente al sindaco Giuseppe Moscarella una piccola abitazione. Dal 10 maggio è in sciopero della fame e minaccia di togliersi la vita perché non ha un tetto sulla testa. Il podestà Moscarella e l’assessore Russo in tutt’altre faccende invischiati se ne infischiano dei “poveracci”. Il signor Savino non ha attenuanti e due anni fa l’ha fatta grossa: ha raccontato ai cittadini la sua odissea e le promesse non mantenute dal primo cittadino che ingrassa a quattro ganasce a spese dei contribuenti. Diamo un segnale di civiltà: non voltiamoci dall’altra parte. Anche questo è un essere umano. Prefetto Nunziante, a quando lo scioglimento dell’amministrazione comunale capeggiata dal ras senza scrupoli di Stornara?