logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

sabato 15 maggio 2010

RNA Rete Nazionale Antinucleare



La RETE NAZIONALE ANTINUCLEARE (RNA)
Nasce per offrire supporto alle comunità che saranno investite dalla lista definitiva del provvedimento governativo sul nucleare.

Organicamente l'RNA nasce come aliena alle forze già esistenti, aventi scopi elettorali e, a tutt’oggi, con ben altre priorità. Il supporto, in termini di coordinamento e controinformazione implicherà di fatto l’attività di un vero e proprio comitato antinucleare nazionale che supporterà le opposizioni delle comunità locali, le azioni e la diffusione di ogni forma di resistenza al provvedimento governativo e “parlamentare” che reintroduce il nucleare annullando la volontà popolare già espressasi col referendum nazionale del 1987.

In termini di Azione Preventiva l’RNA vigilerà sulle molto probabili strumentalizzazioni di forze politiche notoriamente filonucleari che hanno come unico scopo la gestione del consenso e la cogestione di appalti e che quindi utilizzeranno il dramma delle comunità locali colpite dalla scelta istituzionale per mere finalità elettorali o di gestione e controllo dell’ordine pubblico.

L’RNA accetterà nel suo cordinamento individualità e realtà locali, a patto che NON siano contraddistine da sigle aventi interessi elettorali o comunque NON siano LEGATE o aventi come punto di riferimento, o siano emanazione, partiti e sigle, filonucleari o che si sono caratterizzati per atteggiamenti ambigui, per scelte regionali e per espressione di figure politiche come forze filonucleari o fasciste.
Interessi:
Per non parlare della commistione in appalti ed interessi economici in relazione al nucleare.

Negazionismo della catastrofe climatica ad opera della produttività umana. RNA sceglie la strada della LOTTA al Negazionismo ed alle fonti CORROTTE dallo stile EXXON e di decenni di MALA...INFORMAZIONE sostenuta dalle MULTINAZIONALI del PETROLIO e del Grande Capitale Industriale.

Solo e Soltanto attraverso questo presupposto indispensabile il NO al Nucleare assumerà un significato piu’ Autentico, autonomo ed EFFICACE.

La RETE NAZIONALE si impegnerà a mettere in collegamento fra loro le comunità colpite dalla scelta dei siti e a diffondere e sostenere le iniziative individuate a livello locale e nazionale.
Il comitato promotore che lancia la rete, con gli elementi distintivi citati, si impegna ad estendere da 10 a 22 (due per ogni regione) i portavoce del coordinamento nazionale che in una prima fase agiranno utilizzando la rete per collegarsi ed assumere decisioni e predisporre risorse di contatto, confronto ed adesione al movimento.

Le individualità che danno vita a questo movimento non partono da visioni povere o settoriali sul nucleare.

Il nucleare NON è un problema localistico. Non è prioritariamente un problema di costi o di "rischi" o di scelta "democratica".
Questo deve essere chiaro. E sarà fortemente discriminante.
Citazioni preferite:
Il Nucleare è già un disastro prima ancora che diventi un problema sotto le nostre case. È il disastro delle Miniere, della produttività, della contaminazione nel terzo mondo (e non solo) per l'estrazione delle materie prime. Senza questa presa di coscienza prioritaria il no al nucleare resta ambiguo e corrotto.
Su di me:
Occorre fin da ora porre le basi intransigenti che rovinino la festa ad arrivisti e manipolatori.

La RETE NAZIONALE ANTINUCLEARE non supporta e NON si occupa di proporre soluzioni energetiche settoriali, non instaura alleanze con botteghe o aziende, sebbene le alternative alla piu’ inaffidabile delle tecnologie sono evidenti da tempo. Tale compito spetta a coloro che hanno la presunzione della gestione amministrativa e vi sono già organizzazioni che operano progettualmente in tal senso.

La RETE NAZIONALE ANTINUCLEARE ha come scopo fondamentale quello di occupare lo SPAZIO VUOTO lasciato dalle organizzazioni esistenti a causa di altre priorità.

========================
Questo documento rappresenta il primo passo di reciproca affidabilità.
=========================