logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

martedì 11 maggio 2010

Colpevole!

di Giorgio Bongiovanni - 11 maggio 2010
Ho scritto il 10 maggio 2010
Il senatore a vita Giulio Andreotti (91 anni), già sette volte Primo Ministro della Repubblica italiana e varie volte Ministro di tanti governi, è stato mafioso ed anche diffamatore.



Ho scritto il 10 maggio 2010
Il senatore a vita Giulio Andreotti (91 anni), già sette volte Primo Ministro della Repubblica italiana e varie volte Ministro di tanti governi, è stato mafioso ed anche diffamatore.
Infatti è stato condannato definitivamente dalla Suprema Corte (vedi articolo di Travaglio allegato) per aver diffamato il giudice Almerighi.
Giulio Andreotti è stato un delinquente, almeno fino al 1980 secondo la sentenza della Cassazione. Un colluso con la mafia, Cosa Nostra, quella che ha ucciso il generale dalla Chiesa, Falcone e Borsellino, quella che ha sciolto i bambini nell'acido e ucciso migliaia e migliaia di vittime innocenti.
A Giulio Andreotti domando: Senatore, lei è un credente, tra poco lascerà questo mondo ed entrerà nel mondo spirituale, dove incontrerà il Supremo giudice Gesù Cristo, non crede lei, senatore, che è giunto il momento di rivelare a tutti noi le tremende e nefaste verità di cui lei è a conoscenza? Potrebbe, nell'aldilà ricevere dal Cristo perdono e guadagnare la luce del paradiso. In caso contrario, come dice il Vangelo, sarà consegnato al maligno e gettato nel fuoco della Geenna, “ivi vi saranno pianto e stridor di denti”.
Prego per lei, Senatore, che, adesso, alla fine della sua vita terrena, si ravveda e dica tutta la verità, solo la verità nient'altro che la verità.

Giorgio Bongiovanni
Credente
Direttore ANTIMAFIADuemila


ARTICOLI CORRELATI

- Mentitore a vita - di Marco Travaglio