sabato 29 maggio 2010

Amnesty International sul caso Stefano Cucchi: in Italia mancano controlli indipendenti su abusi polizia


“Seguiremo con interesse e attenzione la vicenda di Stefano Cucchi. Il suo caso si inserisce in un quadro insoddisfacente per quanto riguarda l’attenzione dell’Italia alla tutela dei diritti umani”. Lo ha detto Giusy D’Alonzo, di Amnesty International che ha analizzato il caso Italia, a margine della presentazione del Rapporto 2010 sui Diritti Umani nel Mondo.”In Italia non c’e’ un garante dei detenuti che, ad esempio, possa effettuare visite senza preavviso. Non abbiamo organismi di tutela dei diritti umani che siano indipendenti. Ma il vero problema, in casi come quello di Cucchi o come quello di Federico Aldrovrandi, morto nel 2005 per le percosse di agenti, di Aldo Bianzino, deceduto in carcere a Perugia, le famiglie sono lasciate sole e si vedono costrette a far partire autonomamente le indagini, a nominare i propri periti. C’e’ un’attivita’ intensa che le famiglie devono compiere mentre non dovrebbe essere cosi”.
L’Italia, ricorda Amnesty, “non ha ratificato il Protocollo Opzionale alla Convezione che imporrebbe l’adozione di meccanismi di prevenzione della tortura e dei maltrattamenti e oltre alla mancanza di una struttura indipendente per il monitoraggio sui diritti umani e dei luoghi di prevenzione, manca di un organismo altrettanto indipendente di denuncia degli abusi di polizia”.