logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

domenica 4 aprile 2010

La Pasqua dei caduti sul lavoro


www.youtube.com/watch?v=J_6M-fpHwEg

Il giorno di Pasqua non sarà un giorno di festa per le famiglie di Sergio Capitani e di un giovane marocchino morti sul lavoro. Sergio è stato ucciso da un'esplosione mentre si trovava a 15 metri di altezza della centrale a carbone Enel di Civitavecchia, il ragazzo marocchino in un'officina di Rovereto, schiacciato da un camion sotto il quale lavorava. Per la centrale Enel è il terzo caduto. Prima di Sergio sono morti Michele Cozzolino, 35 anni, nel 2007 e Ivan Ciffory, 24 anni, nel 2008. Le leggi tutelano sempre meno chi lavora. Ogni anno ci sono un milione di infortuni denunciati, senza contare quelli del lavoro in nero, stimati in 200.000 e più di MILLE caduti. Chi muore lascia alla famiglia, se va bene, un assegno di circostanza. Il profitto non può essere anteposto alla sicurezza. Buona Pasqua a tutti coloro che hanno perso i loro cari sul lavoro. Sono loro i veri eroi di questa società.

"Caro Beppe,
sabato 3 aprile 2010 c'è stato un grave incidente sul lavoro alla centrale Enel di Civitavecchia che ha provocato la morte di un operaio e l'infortunio di altri tre.
L'Enel dice di aver "attuato tutte le misure di sicurezza previste" , ma non vedo come questo sia possibile, se così fosse l'operaio sarebbe ancora in vita e quel tubo non sarebbe esploso.
Inviterei l'Enel a più cautela quando rilascia dichiarazioni del genere. Ogni anno nel nostro Paese si verificano un milione di infortuni, secondo l'Inail, ma considero questo dato sottostimato, dato che moltissimi infortuni non vengono denunciati, perchè fatti passare come malattia o capitati a lavoratori "in nero".
Quando si è precari o irregolari, si è ricattabili. Si stima che i mancati infortuni denunciati siano almeno 200 mila l'anno.
Per L'Inail quest'anno gli infortuni mortali scenderanno sotto quota 1.000, ma questo non mi fa stare tranquillo, considerando che il calo è dovuto alla crisi che c'è in Italia (cassaintegrazione, mobilità, aziende chiuse). E' evidente che appena la crisi finirà, gli infortuni subiranno un'impennata.
Oggi, come sempre accade quando c'è un grave incidente sul lavoro, ho assistito alle solite "lacrime di coccodrillo" da parte del mondo politico e sindacale. Di fatti neppure l'ombra.
I sindacati e i partiti di opposizione dovrebbero battersi con tutte le loro forze, per ripristinare la legge per la sicurezza sul lavoro voluta dal Governo Prodi (Dlgs 81 del 9 aprile 2008).
Il 3 agosto 2009, nel più assoluto silenzio dei mezzi d'informazione, è stato firmato il Dlgs 106/09, un decreto che il Governo Berlusconi chiama "correttivo", parola grossa, perchè non si limita a correggere, ma riscrive metà del Dlgs 81/08. Il Dlgs 106/09 voluto fortemente dal Ministro del Lavoro Sacconi, è un decreto di ben 240 pagine e di 149 articoli.
Intanto occorre ricordare che questo decreto "correttivo" riduce le sanzioni a carico dei datori di lavoro, dirigenti e preposti (sanzioni dimezzate), mentre le aumenta per i lavoratori; della "salva manager", che non non è stata cancellata, ma semplicemente riscritta (art 18, comma 3 bis), non in maniera sfacciata come la precedente, ma dando spazio a manovre e cavilli a favore dei manager. Questo Governo ha fatto anche un piccolo condono per il lavoro irregolare (art 14, comma 11 bis): "il provvedimento di sospensione per lavoro irregolare non si applica, nel caso il lavoratore irregolare sia l'unico occupato dell'azienda". Senza contare che per il datore di lavoro che non ottempera al periodo di sospensione per lavoro irregolare, il Governo permette di scegliere, se pagare una semplice multa da 2.500 a 6.400 euro o essere condannato all'arresto da tre a sei mesi. E pagheranno tutti la multa, considerando quanto irrisoria sia quella cifra, rispetto ai profitti ricavati dal lavoro irregolare.
Ma su tutte le nefandezze, c'è la possibilità per l'azienda, di redigere il documento di valutazione dei rischi entro 90 giorni dall'inizio dell'attività. Precedentemente la modifica, quel documento, che è la sintesi della valutazione dei rischi infortunistici e per la salute aziendali e la previsione delle misure di prevenzione e protezione conseguenti, doveva essere redatto prima dell'inizio delle attività, dando perciò alla progettazione della sicurezza un'importanza assoluta. Dal 20 agosto 2009, giorno di entrata in vigore delle modifiche introdotte con il decreto 106/09, la produzione è messa in posizione prioritaria rispetto alla sicurezza dei lavoratori. E forse in questo aspetto è racchiusa tutta la logica delle modiche al decreto 81/08.
Di fronte a tutto questo, la patente a punti per le aziende, è solo un contentino.
Grazie al Governo Berlusconi gli imprenditori avranno ancora più mano libera, considerando anche che le ASL (gli enti deputati ai controlli per la sicurezza sul lavoro) hanno una personale ispettivo ridotto all'osso: se dovessero controllare tutte le aziende in Italia (tra i 5 e 6 milioni), ogni azienda riceverebbe un controllo ogni 33 anni, praticamente MAI." Marco Bazzoni-Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.
Email:bazzoni_m@tin.it