logo HDM

Debito pubblico italiano

facebook

domenica 18 aprile 2010

Ecco perchè è stata votata la salva-liste


di Alberto Grossi

L’hanno ribattezzata legge salva-liste, ma per Beppe Grillo è la legge salva Errani-Formigoni. L'artista genovese non ha dubbi: il testo approvato alla Camera giovedì scorso con i voti del Pdl e di gran parte del Pd serve a salvare un governatore per parte, ovvero Vasco Errani nella rossa Emilia-Romagna e Formigoni in Lombardia. Entrambi a rischio, per la legge che vieta la ricandidabilità dopo due mandati consecutivi. Ma l'accordo tra i partiti li ha messi al riparo. E Grillo tuona: "Con il decreto ad hoc Errani e Formigoni sono riverginati, gli è stato ricucito l'imene elettorale grazie a una legge a posteriori per legittimare un comportamento fuori legge a priori".

Il comico infierisce: "Giovedì si è varcato il Rubicone della legalità, ma il fiume era il Parlamento, la cloaca massima. E il protagonista non è stato Giulio Cesare, ma più modestamente il duo Pdl-Pdmenoelle, che si esibisce da quasi vent'anni nella distruzione della democrazia in Italia, riuscendovi peraltro benissimo". Ora la legge dovrà essere approvata in Senato e poi firmata da Napolitano. "Formalità" secondo Grillo, che promette battaglia: "Il decreto è incostituzionale, mi impegnerò per farlo decadere. Nel frattempo, mentre è in vigore, ognuno può farsi la sua legge, leggina, decreto". Perché tutto si aggiusta.

Da il Fatto Quotidiano del 18 aprile